Primo Piano

Prova di forza della Reggiana, basta Cesarini per piegare il Vicenza

Il "Mago" infrange il tabù del "Menti", nella ripresa regge il fortino granata

Lorenzo Chierici
23.02.2018 22:40

Grande vittoria della Reggiana che, nell’anticipo, espugna un campo storicamente avverso ai colori granata come il "Menti", battendo il forte Vicenza per 1-0, grazie a una magia di Cesarini, divinamente imbeccato da uno straordinario Panizzi allo scadere di un primo tempo dominato. Ora i granata, in attese delle partite di domani, si trovano al secondo posto a -9 dalla vetta.

Il Vicenza, non più allenato dall’ex trainer granata Alberto Colombo, esonerato alcuni mesi fa, sotto la guida di mister Zanini, riceve la Reggiana al Menti con un 4-3-1-2, con Valentini in porta, Bianchi, Milesi, Magri e Jakimovski dietro, l’ex granata Marco Augusto Romizi davanti alla difesa, con Giorno sul centro sinistra e Tassi sul centro destra, mentre il fantasista De Giorgio giostra dietro alle punte che sono Ferrari e Comi. I granata, oggi in campo con l'inusuale terza maglia verde, rispondono con il consueto 4-3-3 proposto dalla triade granata con Facchin tra i pali, Ghiringhelli, Spanò, Crocchianti e Panizzi dietro; Bovo davanti alla difesa al posto dell’infortunato Genevier, con Riverola sul centro destra e Carlini sul centro sinistra. Davanti il tridente formato da Cattaneo, Altinier e Cesarini. Niente esordio da titolare quindi per Vignali che, neppure con l’assenza di Genevier, riesce a convincere i tecnici per scendere in campo dal primo minuto. Sugli spalti è festa: "La nostra amicizia durerà in eterno contro
Repressione e calcio moderno
" e "Reggio e Vicenza alè" si legge dagli striscioni esposti sulle curve dei tifosi granata e berici.

IL PRIMO TEMPO
Parte forte la Reggiana che, dopo un quarto d’ora va vicino al tiro con Cesarini che ruba palla a un avversario, controlla bene col sottoposta, poi, al momento del tiro, non impatta bene il pallone a causa di uno strano rimbalzo dello stesso e l’azione sfuma. Due minuti dopo ancora i granata in avanti: gran palla di Ghiringhelli da destra sulla quale Cattaneo non arriva di testa, mentre Altinier non trova il tempo per anticipare l’avversario di piede. Risponde il Vicenza un minuto dopo, quando Comi cerca il tiro dall’interno dell’area, ma Crocchianti gli tocca il pallone e lo costringe al tiro oltre la traversa. Il Vicenza insiste e il talentuoso De Giorgio imbecca Ferrari con un bel filtrante, ma Facchin sceglie il tempo giusto dell’uscita e blocca a terra. Al 14' Bovo lancia in area Carlini che cade dopo un netto contatto da rigore di Magri, ma l'arbitro non è d'accordo e la Reggiana recrimina inutilmente il tiro dagli undici metri. Al 27’ granata di nuovo vicinissimi al gol: gran palla di Riverola per Carlini, che aggancia benissimo e appoggia dietro a Cesarini che calcia deciso di destro, ma Bianchi, in scivolata, praticamente a due metri dalla porta, stoppa la corsa del pallone con un braccio largo; l’azione prosegue, la palla esce per Ghiringhelli che pennella la sfera per Altinier che, con un gran colpo di testa, sfiora l’incrocio alla sinistra del portiere. La partita è viva e poco dopo ci prova anche Cattaneo che sfrutta una corta respinta della retroguardia biancorossa su corner, cercando il gol con una bella girata di sinistro che viene rimpallata con il corpo da alcuni difensori vicentini. Al 42’ la Reggiana passa con pieno merito: splendida galoppata del solito Erik Panizzi sulla sinistra che, in accelerazione, evita l’intervento di due avversari, poi, giunto all’altezza dei sedici metri, alza la testa e scodella un perfetto pallone per la testa di Cesarini che, smarcandosi benissimo sul secondo palo, schiaccia il pallone di testa e trafigge Valentini. Risponde subito il Vicenza con una sassata di Jakimovski che non trova la porta per pochi centimetri.

SECONDO TEMPO
Parte forte il Vicenza che, almeno in apparenza, pareggia al 2’, quando, da una punizione tagliata dalla trequarti vicentina di destra, Ferrari stacca più alto di tutti e libera dietro di sé, con un bel colpo di testa, il neo entrato Alimi che, in tuffo, segna sul secondo palo, ma il guardalinee alza la bandierina correttamente, individuando l’off side dello stesso centrocampista che, in effetti, al momento del tocco di Ferrari, si trovava oltre la linea dei difensori. Il gol, malgrado le proteste dei vicentini viene quindi annullato. Il Vicenza non ci sta e spinge sfiorando la rete con una conclusione di collo destro di De Giorgio, deviata in corner da un difensore granata. Al 17’ ancora Bianchi spinge sulla destra da dove mette in mezzo un cross teso a mezz’altezza, che nessuno tocca e la sfera sembra indirizzata in fondo al sacco, ma Facchin si allunga e ci arriva. Al 18’ doppio cambio per la Regia, fuori Cattaneo e Riverola, entrambi in calo e dentro finalmente Vignali nel ruolo di mezzala e Rosso nel tridente. Al 20’ il Vicenza potrebbe pareggiare: bella discesa di Comi a destra e traversone rasoterra perfetto sul secondo palo, dove Ferrari non avrebbe avuto problemi a spingere  in rete il pallone, ma Spanò, rischiando l’autorete dal centro della porta, interviene alla grande, deviando la sfera con precisione da campione in calcio d’angolo, compiendo un autentico miracolo. La Regia reagisce e pochi minuti dopo va sul fondo con un’ottimo spunto di Rosso, che mette in mezzo un palla tesa di sinistro per Altinier che attacca bene il primo palo, ma colpisce male e manda alto un pallone a pochi passi dalla linea di porta. Gli animi si scaldano e Giacomelli subisce un brutto fallo da Cianci, poi reagisce, ma l’arbitro grazia entrambi. A quel punto Eberini toglie uno stanco Altinier, al quale è davvero mancato solo il gol e si copre con un incontrista in più del calibro di Bobb, che affianca Bovo davanti alla difesa, cercando di chiudere il filtranti dei veneti. I granata continuano a tenere il pallone, ma rischiano nel finale con un tentativo di Comi dal limite che, di prima intenzione, manda il pallone sul fondo; poi, al termine dei cinque minuti di recupero, la Reggiana, autrice di un ennesimo miracolo, alza di nuovo le braccia al cielo.


La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:


Vota il migliore granata in campo di Vicenza-Reggiana

 

Il tabellino
VICENZA-REGGIANA 0-1
Marcatori: al 43’pt Cesarini.
VICENZA (4-3-1-2): Valentini; Davide Bianchi Milesi, Magri, Jakimovski; Tassi (dall’8’st Giacomelli), Romizi, Giorno (dal 1’st Alimi); De Giorgio (dal 43’st Giusti); Comi, Ferrari. A disp.: Fortunato, Segantini, Malomo, Bangu, Tardivo, Lovato, Sacchetto, Addolori. All.: Zanini.
REGGIANA (4-3-3): Facchin; Ghiringhelli, Spanò, Crocchianti, Panizzi; Riverola (dal 18’st Vignali), Bovo, Carlini; Cattaneo (dal 18’st Rosso), Altinier (dal 39’st Bobb), Cesarini (dal 26’st Cianci). A disp.: Viola, Zaccariello, Bastrini, Palmiero, Lombardo, Narduzzo. All.: Eberini.
Arbitro: Volpe di Arezzo.
NOTE: ammoniti al 15’st Facchin (R), al 34’st Rosso (R), al 35’st Vignali (R), al 36’st Cianci (R), al 36’st Giacomelli (V); minuti di recupero 0 + 5. Spettatori: 6731 abbonati + 1081 paganti.


(Foto © AC Reggiana 1919)

Commenti

Rivivi il LIVE di Vicenza-Reggiana 0-1
Eberini: «Abbiamo passato un altro esame. Padova? Ci sono anche altre partite...»