Primo Piano

Quintavalli: «La FIGC ha riconosciuto le nostre ragioni. La Reggiana è pronta a scendere in campo»

«E' un’ulteriore conferma e soddisfazione leggere nella nota della Federazione che anche l’interpretazione del merito sportivo è in linea con quanto sostenuto da sempre dal club»

Gian Marco Regnani
21.05.2020 11:10

All'indomani del Consiglio Federale che ha premiato la volontà della Reggiana di chiudere la stagione sul campo, siamo riusciti ad intercettare il presidente granata Luca Quintavalli per un breve commento su quello che è stato deciso e soprattutto per avere un suo parere su quanto invece potrà accadere nelle prossime settimane. 

Presidente, la FIGC ha sposato la linea intrapresa dalla Reggiana e bocciato quella portata in consiglio dal presidente Ghirelli. Il rischio che si corre ora è quello di una battaglia interna in Serie C tra chi è disposto a giocare e chi invece vuole fermarsi?
«Penso che la scelta di chi giocherà e quando lo farà non dipenderà tanto da una lotta interna alla Serie C, ma dall’individuare chi sarà in condizione di applicare i protocolli e coordinare l’attività tecnica per portare a termine il campionato. Ribadisco che la Reggiana è pronta a scendere in campo attuando il nuovo protocollo medico, esprimendo sul campo il valore dei propri calciatori».

In che modo potrà terminare la stagione della Lega Pro secondo lei? Applicare alla lettera il protocollo sanitario pare molto complicato, utopistico giocare le 11 giornate che mancano alla fine della regular season e anche organizzare i playoff non sarà semplice...
«Non trattandosi di una scelta dipendente da noi, ci limitiamo a confermare che non sarà per nulla semplice né applicare il protocollo né organizzare una conclusione del campionato, ma che in entrambe le situazioni la Reggiana si dichiara pronta e reattiva».

Nella nota della FIGC non manca il riferimento al tanto dibattuto merito sportivo, da calcolare tramite "oggettivi coefficienti correttivi che tengano conto della organizzazione in gironi e del diverso numero di gare disputate dai Club". Come interpreta questa affermazione?
«Questo è esattamente quanto sostenuto e dibattuto fino a ieri, ponendo un coefficiente ponderale che tenesse conto di parametri oggettivi e non soggettivi. Pertanto è un’ulteriore conferma e soddisfazione leggere nella nota della Federazione che anche l’interpretazione del merito sportivo è in linea con quanto sostenuto da sempre dal club».

Commenti

Ghirelli dopo il Consiglio Federale: «Non siamo in grado di tornare a giocare. Impossibile applicare il protocollo sanitario»
La Reggiana scalda i motori, staff sanitario al lavoro per garantire l'applicazione del nuovo protocollo sanitario