Primo Piano

Le pagelle di Venezia-Reggiana. Brillano Libutti e Gyamfi, Varone e Kirwan rimandati

Buona prova di Pezzella, Lunetta semina il panico ma è protagonista in negativo sul rigore. L'ingresso di Siligardi non porta l'effetto sperato

Gianluca Ferrari
02.03.2021 00:30

Venturi 6 Nel primo tempo deve solamente raccogliere il pallone dalla rete dopo il rigore di Aramu. Rischia nella ripresa su un retropassaggio di Lunetta e si fa sorprendere dal colpo di testa di Forte che si stampa contro la traversa. E' attento sui tentativi di Aramu ed Esposito.

Libutti 7,5 Ma che momento sta vivendo Lorenzo? Segna il suo primo gol in B con delizioso stop e preciso esterno destro a battere Pomini ma non solo: è attentissimo in difesa dove non lascia passare nulla e fa sempre la cosa giusta. Peccato che il risultato finale metta un po' in ombra la sua prestazione. 

Ajeti 6,5 "Non si passa!" è il cartello che sembra avere appeso al collo per più di un'ora. Ingaggia un bel duello con Forte dal quale esce quasi sempre vincitore. Sorpreso dall'accelerazione di Johnsen che porta al 2-1 dei lagunari. Nel finale ha anche l'occasione per siglare il 2-2 da centravanti aggiunto ma non è preciso di testa.

Gyamfi 7 Altra bellissima sorpresa della serata, ma è più corretto definirla una conferma. Perfetto in chiusura e in anticipo, sa sempre dove stare e quando intervenire. A metà ripresa si immola di testa sulla conclusione di Di Mariano. Non sbaglia praticamente un colpo.

Costa 6 Solido nel primo tempo, soffre maggiormente nella ripresa quando Aramu alza i giri del motore dalle sue parti. Esce sfinito (dal 23'st Espeche 6: si piazza davanti alla difesa per non far passare nessuno. E il Venezia colpisce partendo dagli esterni. Nel finale si spinge in avanti senza fortuna).

Varone 5,5 Tira un po' il fiato dopo la grande prova contro la Salernitana. Sfortunata ma decisiva la sua deviazione sul passaggio di Johnsen che libera Aramu in occasione del vantaggio arancionerovede sul quale, anche lì, si trovava a rincorrere l'azione (dal 34'st Zamparo 6: Pomini gli nega la gioia del gol del pareggio con un intervento decisivo allo scadere. Peccato, perchè era entrato con la voglia di spaccare il mondo commettendo però qualche fallo di troppo).

Del Pinto 6,5 Non si vede molto, proprio perchè svolge tantissimo lavoro sporco in mezzo al campo, tamponando gli avversari e spezzando il gioco degli uomini di Zanetti. Esce all'intervallo per un brutto colpo subìto (dal 1'st Siligardi 5,5: alcuni buoni palloni giocati per i compagni ma questa volta non cerca e non riesce a puntare la porta. Da lui ci si aspetta sempre qualcosa di più).

Laribi 6 Come con la Salernitana, gioca una partita di grande sacrificio. Non butta mai via il pallone e aiuta i compagni in fase di ripiegamento, ma quando la Reggiana attacca non trova spunti interessanti (dal 23'st Radrezza 6: fatica ad accendere la luce e a rendersi pericoloso ma c'è il suo zampino nel forcing finale che porta i granata a sfiorare il pareggio).

Pezzella 6,5 Autore dell'assist sontuoso per Libutti, si fa apprezzare per il pressing sui portatori avversari e per il gioco tra le linee. Nelle ripresa indietreggia a fianco di Varone e si destreggia bene anche da regista (dal 23'st Kirwan 5,5: non segue Johnsen in occasione del gol del raddoppio del Venezia. Nel finale spinge a più non posso cercando l'assist decisivo per i compagni. E' suo il traversone che per poco Zamparo non trasforma nel 2-2).

Lunetta 6,5 Ispiratissimo. Con le sue serprentine palla al piede mette in difficoltà la difesa di casa ed impegna Pomini con un bel diagonale nel primo tempo. Un po' ingenuo sul fallo in area ai danni di Esposito (forse poteva temporeggiare) anche se il rigore concesso al Venezia sembra davvero severo. Si riaccende nel finale quando la Reggiana attacca a testa bassa, ma non basta.

Mazzocchi 6 Mette tanta corsa e voglia di fare ma non trova mai il pallone giusto per colpire e le occasioni migliori capitano sui piedi dei compagni. Gioca a servizio della squadra con più efficacia rispetto al passato.

Mister Alvini 6,5 Per tutto il primo tempo la Reggiana, pur essendo incerottata, suona lo stesso spartito delle ultime settimane: in campo vediamo una squadra quadrata, ordinata e compatta che mette in seria difficoltà il Venezia trovando quasi subito la rete del meritato vantaggio. Il rigore concesso allo scadere ridisegna la partita e il Venezia viene fuori a testa alta nel secondo tempo. I cambi non sortiscono l'effetto sperato, ma il forcing finale che fa sudare freddo i lagunari è un buon segno. La Reggiana c'è, nonostante tutto e tutti, e con il Lecce venderà cara la pelle...


Vota il migliore granata in campo

Commenti

Serie B, i risultati della 26ª giornata. Tris Empoli a Reggio Calabria, colpo Pescara nel finale
Reggiana a testa alta in Laguna ma non basta. Il Venezia festeggia in rimonta