Primo Piano

Alvini: «Sconfitta meritata, la più brutta della stagione»

«La Reggina ha dimostrato di voler vincere più di noi. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, sono convinto che ripartiremo»

Mauro Falduto
27.12.2020 15:45

«Oggi non è stata una buona prestazione - sottolinea mister Massimiliano Alvini nel post partita del "Città del Tricolore" dopo la sconfitta interna contro la Reggina - Nel primo tempo non abbiamo fatto bene, mentre nella ripresa c'è stato un po' più equilibrio. Ci sono state alcune occasioni gestite male e alla fine è arrivata questa sconfitta meritata. Non sono preoccupato, ma dico solo che è una sconfitta che non ci voleva».

Reggiana contratta e impaurita a inizio partita...
«Non siamo partiti bene e la Reggina ci ha messo sotto e non ci ha fatto uscire. L'abbiamo poi un po' ripresa nel secondo tempo, ma è arrivata comunque la sconfitta».

Come martedì sera a Empoli, ci sono state alcune palle perse in uscita. Sono solo errori individuali?
«Può succedere a un certo punto del campionato di fare più fatica a far uscire la palla e a farla girare. Abbiamo perso qualche automatismo con l'assenza di giocatori importanti, ma credo che chi li ha sostituiti, fino ad oggi ha dato sempre tutto. Sicuramente la Reggina ha dimostrato di voler vincere più di noi e lo ha fatto, ma per l'impegno non ho nulla da rimproverare ai miei giocatori».

Oggi la Reggiana è parsa poco coesa tra i reparti, con il trio di difesa spesso costretto a scappare dietro con palla scoperta, senza il supporto del centrocampo. Cos'è mancato?
«Oggi abbiamo giocato in maniera diversa per via di alcune situazioni che si sono presentate ieri durante l'allenamento. Forse abbiamo fatto più fatica nei duelli individuali e in effetti negli scontri fisici quest'anno stiamo concedendo qualcosa. A volte non copriamo bene la palla in fase offensiva, perciò giocando a palla scoperta siamo costretti a indietreggiare. Questa è una cosa su cui dobbiamo lavorare ancora tanto per migliorare. Nel complesso ci sono situazioni tattiche da correggere e mi rendo anche conto che ci sono squadre fisicamente più forti di noi. Per il resto, dal punto di vista della voglia e delle serietà della squadra, non ho nulla da dire».

Come ci si riprende da questo ko?
«Sicuramente è la più brutta sconfitta della stagione, ma sono convinto che ripartiremo sul nostro percorso. Non ho nulla da dire sui miei giocatori: alleno una squadra seria».

Com'è la situazione in infermeria? Rozzio e Rossi non ci saranno nemmeno col Pordenone?
«Rozzio e Rossi a Pordenone non ci saranno come non ci sarà neanche Ajeti: più o meno staranno fuori per una decina di giorni. Vediamo se riusciamo a recuperare almeno Lunetta».

Spera nel mercato di gennaio per colmare qualche lacuna?
«No, io sono contento dei giocatori che ho. L'importante è che ognuno tenga sempre in mente l'obiettivo, che è quello di mantenere la categoria. Mi fido della società e del lavoro del direttore Tosi: devo solo pensare a lavorare con questa squadra, che è fatta di giocatori che stanno dando tutto. Oggi abbiamo sbagliato la partita contro una Reggina che ha meritato di vincere, ma sono convinto che la Reggiana ripartirà e lotterà per raggiungere il suo obiettivo».


Vota il migliore granata in campo di Reggiana-Reggina

Commenti

Le pagelle di Reggiana-Reggina. Cerofolini si supera, Mazzocchi stecca ancora
Serie B, i risultati della 15ª giornata. L'Ascoli frena la Spal, Salernitana corsara a Venezia