Primo Piano

Mister Antonioli: «Debuttare al Mirabello sarà emozionante, vogliamo passare il turno»

«Narduzzo e Rozzio ci servono subito, presto arriveranno altri rinforzi d'esperienza»

Gian Marco Regnani
25.08.2018 16:00


«C'è un po' di emozione ma è giusto che sia così perché siamo contenti di iniziare in uno stadio storico per il club e i tifosi - afferma mister Mauro Antonioli in conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa Italia contro il Sasso Marconi - Speriamo di essere bravi e fortunati perché passare il turno ci permetterebbe di avvicinarci al campionato con altre sfide a formazioni di pari categoria oltre ad alimentare l'entusiasmo della gente. La condizione ora non è al massimo, ma ce la metteremo tutta».

Il rinvio del campionato al 16 settembre vi ha colto di sorpresa?
«Era fondamentale questo ritardo, lo apprezziamo poiché ci permette di lavorare con serenità e formare meglio l'organico».

Sarà importante calarsi subito nella mentalità della Serie D...
«Dovremo farlo noi ma anche la gente: ci vuole rispetto per tutti gli avversari e impegno al 100% con la convinzione però di potere mettere sotto qualsiasi formazione».

Narduzzo e Rozzio sono già pronti?
«Non faccio pretattica: abbiamo bisogno di loro dall'inizio perché ci possono portare quell'esperienza in più che in una squadra molto giovane come la nostra è fondamentale. A livello fisico poi devono dare tutto visto che sono ancora giovani nonostante lo status di over».

Mancano ancora un paio di senatori per guidare la squadra...
«Arriveranno: la società deve ancora prendere 2 o 3 giocatori in grado di farci fare un salto di qualità e dare una mano ai più giovani».

In quali ruoli?
«Arriverà almeno un giocatore per reparto».

Per i giovani mercato chiuso?
«Direi di sì, ne abbiamo tanti di interessanti a disposizione, compresi quelli usciti dal Settore Giovanile granata: di questo va dato merito a chi c'era prima di noi e ha lavorato bene».

Domani rivedremo più o meno la stessa formazione provata a Scandiano?
«Siamo contati, cercherò di sfruttare al meglio i cinque cambi anche perché mancano i 90 minuti nelle gambe. Inseriremo qualche nuovo arrivato, per Ponsat invece dovremo aspettare un mese visto che ha già giocato col Monza. Broso ha un vescica al piede ma speriamo di recuperarlo, ad ogni modo ho convocato un ragazzo della Juniores».

Luche agirà da trequartista o esterno?
«Luche svaria su tutto il fronte d'attacco, non da punti di riferimento ed è quello che dobbiamo fare: più saremo imprevedibili e più creeremo pericoli giocando sempre la palla».

Commenti

L'avversario - Sasso Marconi, squadra rinnovata con l'obiettivo di raggiungere un'altra salvezza
Le probabili formazioni di Reggiana-Sasso Marconi