Primo Piano

Le pagelle di Reggio Audace-Fanfulla

Cigagna gioca da leader, Sanat non smette di stupire e Muro dà concretezza. Zamparo suona la 21ª sinfonia, finalmente esulta Ponsat

Lorenzo Chierici
28.04.2019 19:30

Rossi 6 Tra i pali al posto di Narduzzo, fermato da un problema abbastanza serio a un ginocchio, ma potrebbe essere il titolare anche ai playoff. Bravo sulle palle alte, ma non trattiene un paio di tiri da lontano, bloccandoli in due tempi. Un altro piccolo difetto tecnico: quando salta e blocca la sfera, spesso si gira verso la porta, rischiando di fare autogol nel caso in cui dovesse sfuggirgli il pallone: la torsione, se c’è, va fatta nel senso opposto, portando il pallone fuori dallo specchio. Migliori su queste due cose e c’è tutto.

Cozzolino 6,5 Corre tanto sulla fascia e lo fa bene, attento anche alla fase difensiva. Suo il perfetto assist da destra per il gol di Zamparo che chiude la partita.

Palmiero 6,5 Torna al centro della difesa e lo fa con personalità, affiancato da un Cigagna davvero in palla. Anche il centrale classe 2001, comunque, non demerita.

Cigagna 7 Guida il giovane compagno di reparto con personalità ed esperienza, maturata nella stagione trascorsa con la maglia da titolare. Bravissimo a murare in scivolata la conclusione a botta sicuri di Galazzi a metà ripresa.

Piccinini 6,5 Disputa una gara da esterno difensivo con diligenza, prima a destra poi a sinistra. Un giovane di belle speranze. Nella ripresa, a fare la mezzala dopo l’ingresso in campo di Bran (dal 38’ st Gianferrari s.v. Troppo poco per essere giudicato, ma al suo ingresso i tifosi hanno cantato “Gianferrari uno di noi”… basta questo da raccontare fra cinquant’anni ai nipotini).

Cozzari 6 Gioca un buon primo tempo nel ruolo di mezzala: le sue caratteristiche sono certamente più difensive che offensive e oggi c’è stato bisogno anche di questo. Sua l’apertura per il cross di Cozzolino dal quale nasce il tris firmato da Zamparo. Mister Antonioli lo toglie però ad inizio ripresa (dal 1’st Muro 6,5 Entra con personalità e gioca alcuni palloni davvero interessanti, facendo un grosso filtro a livello difensivo. Intercetta nel finale un traversone che avrebbe quasi certamente regalato il gol della bandiera al Fanfulla. Bravo davvero).

Cavagna 7 Conduce per mano questa squadra al successo: il regista granata ha fatto ciò che doveva, recuperando palloni importanti e servendoli con qualità. Splendido il lancio di 50 metri sui piedi di Ponsat per il gol del 4-0.

Pastore 7 Un grandissimo primo tempo, macchiato subito dall'inutile ammonizione che poteva costare caro come nel derby ma riscattato dal gol: si permette il lusso di inventare una rete da cineteca del calcio, la prima dei granata, coordinandosi divinamente da fuori area (dal 28' st Bran 6 Un po' mezzala e un po' terzino, si destreggia bene soprattutto dietro chiudendo con efficacia le azioni offensive del Fanfulla)

Sanat 7 È giovanissimo e piccolino, ma può contare su due piedi d’oro: lo ha dimostrato in occasione del raddoppio granata, quando ha gestito alla grande il cross pennellato di Zamparo, controllando il pallone prima col destro, poi gestendolo col sinistro col quale scarica in porta una sassata non indifferente. Ha grandi margini di miglioramento (dal 42’st Rizzi s.v. Entra e fa subito a sportellate là davanti come da par suo. Pochi minuti per essere giudicato).

Zamparo 8 Non c’entra proprio nulla con questa categoria e forse gli starebbe stretta anche la Lega Pro. 21 gol all’attivo in questa stagione, un assist fantastico e tante conclusioni, oltre a mille chilometri percorsi. Standing ovation per il capitano di giornata quando esce. Straordinario (dal 33’st Bardeggia s.v. Non ha l’occasione di mettersi in mostra; avrebbe potuto farlo sul quarto gol, ma Ponsat preferisce fare tutto da solo, un po' come Inzaghi con Barone ai mondiali del 2006 contro la Repubblica Ceca. Avrà altre occasioni).

Ponsat 7 Sforna assist a destra e a manca e ha chiude meritatamente la partita segnando il quarto gol con grande freddezza, quando magari avrebbe potuto servire il liberissimo Bardeggia. Ma va bene così: una punta deve anche togliersi le proprie soddisfazioni e Ponsat lo ha fatto a tutto tondo.

All. Antonioli 8 Il giorno prima della partita aveva detto di credere ciecamente nei suoi ragazzi nonostante la situazione di grande emergenza e oggi i giocatori lo hanno ripagato sul campo fino all'ultimo centesimo. La mano di un allenatore si vede specialmente in occasioni come questa dove c'era bisogno di costruire una squadra "nuova" in pochi giorni e, sebbene il match contasse poco o nulla ai fini della classifica, vincere e convincere per 4-0 contro la quarta in classifica fa sempre morale e aiuta a consolidare il gruppo.


Vota il migliore granata in campo

Commenti

Rivivi il LIVE di Reggio Audace-Fanfulla 4-0
I risultati della 33ª giornata: il Modena aggancia la Pergolettese in vetta