Primo Piano

Espeche: «Condannati da un episodio. Guardiamo avanti»

«La sconfitta di Lecce ci ha insegnato molto. Ripartiamo dalla consapevolezza che è un campionato duro e che dobbiamo lavorare tanto»

Mauro Falduto
29.11.2020 19:45

© AC Reggiana

«E' stata una partita molto equilibrata. Sapevamo che non sarebbe stata facile e l'avevamo preparata in un modo diverso dal solito - ha sottolineato il difensore argentino Marcos Espeche dopo la gara con la CremoneseSiamo passati subito in vantaggio e nel secondo tempo, nonostante l'espulsione di Costa, abbiamo avuto un paio di occasioni per chiuderla. Purtroppo siamo stati condannati da un episodio, ma continuiamo a guardare avanti come abbiamo sempre fatto».

Questo pareggio ha il sapore di due punti persi?
«Visto che anche in inferiorità numerica abbiamo avuto diverse occasioni per chiudere la partita, posso dire che sono due punti persi. Alla fine è arrivato solo un punto e ce lo teniamo stretto. Ora bisogna pensare a lavorare come abbiamo sempre fatto».

Qual è stata la chiave per ripartire dopo la sconfitta di Lecce?
«Siamo una squadra che ha grande consapevolezza e crede molto nei propri mezzi. Sappiamo che alla base di tutto c'è il lavoro ed è proprio in questo modo che abbiamo affrontato la settimana. Il lavoro ti permette di acquisire sempre maggior fiducia».

Quindi non è cambiato nulla nella vostra mentalità?
«No, la nostra mentalità è sempre la stessa. Sicuramente la sconfitta di Lecce ci ha lasciato qualche insegnamento anche perchè subire 7 gol fa molto male. Ripartiamo dalla consapevolezza che è un campionato duro e che dobbiamo lavorare tanto».

Dopo questo inizio di campionato, che idea ti sei fatto di questa Serie B?
«E' evidente che sia un campionato molto equilibrato. Avendo tante partite ravvicinate, bisogna essere bravi ad azzerare e ripartire più forti di prima. Solo così si è in grado di arrivare all'obiettivo prefissato».


Vota il migliore granata in campo di Reggiana-Cremonese

Commenti

Serie B, i risultati della 9ª giornata. Salernitana in vetta, Pescara ultimo
Romano Amadei: «Dovremo portare pazienza per tutto il campionato»