Alvini: «Ci abbiamo provato, ma dovevamo essere più cinici»

«Non ho molto da rimproverare alla mia squadra. Se avessimo portato a casa un punto, sarebbe stato un grande risultato tutto sommato meritato»

Mauro Falduto
09.04.2021 23:45

«La partita si è complicata subito con l’infortunio di Del Pinto dopo pochi minuti - ha sottolineato mister Massimiliano Alvini dopo la sconfitta interna con l'Empoli - Abbiamo quindi dovuto cambiare qualcosa ma abbiamo fatto fatica e abbiamo preso gol. Nella ripresa potevamo pareggiarla per le occasioni che abbiamo avuto.  E' arrivato un altro brutto infortunio con Mazzocchi che ci ha reso la gestione dei cambi ancora più complicata. Peccato perché l’Empoli è una squadra forte, ma forse potevamo strappare un punto che in fin dei conti avremmo meritato».

Mancano sempre meno partite. Sarà dura battaglia contro tutte le prossime avversarie?
«I punti li potevamo fare oggi contro la capolista, come con tutte le altre squadre. Ci abbiamo provato perciò non ho molto da rimproverare alla mia squadra. Forse dovevamo essere più cinici sotto porta perché di palle gol ne abbiamo avute. Se avessimo portato a casa un punto, sarebbe stata tanta roba».

Il gioco della Reggiana oggi era impostato molto sui lanci alla ricerca di Kargbo.
«Avevamo preparato questo tipo di gioco come molte altre situazioni. Alcune volte Augustus si è mosso bene, ma in troppe altre si è trovato in fuorigioco. In generale abbiamo avuto le nostre occasioni ma non le abbiamo sfruttate, come quella nel secondo tempo in cui l’Empoli ha salvato il risultato a pochi centimetri dalla linea di porta».

A centrocampo l’Empoli ha mostrato grandi qualità. Merito degli avversari o si poteva fare meglio?
«Conoscevamo il valore del loro centrocampo. Direi che principalmente nel primo tempo abbiamo fatto fatica. Nella ripresa abbiamo lavorato un po’ meglio in mezzo, seppur con qualche problema in alcuni momenti».

Nonostante la sconfitta, è soddisfatto della prestazione della squadra?
«Sì. I giocatori hanno messo grande impegno e hanno mostrato un buon atteggiamento. La squadra ha avuto le sue occasioni per pareggiare contro un Empoli primo in classifica, perciò non ho molto da rimproverare ai ragazzi».

La squadra ha un po’ patito la fisicità e il ritmo dei toscani?
«Quando giochi contro queste squadre soffri un po’ per queste caratteristiche. La struttura fisica è molto importante, ma non credo che quello faccia davvero la differenza anche perché in fin dei conti anche noi abbiamo avuto le nostre opportunità per pareggiare».


Vota il migliore granata in campo di Reggiana-Empoli

Commenti

Le pagelle di Reggiana-Empoli: Costa dà sicurezza alla difesa, Kargbo è sinonimo di fuorigioco
Costa: «Siamo ancora in corsa per il nostro obiettivo. Non dobbiamo mollare di un centimetro»