Primo Piano

Le pagelle di Pordenone-Reggiana. Manca l'apporto del centrocampo, Kargbo troppo solo combina poco

Cerofolini, rosso senza attenuanti. Muratore e Zampano non ingranano, gli ingressi dalla panchina non cambiano l'inerzia del match

Lorenzo Chierici
30.12.2020 19:00

Cerofolini 4,5 Interviene bene nel primo tempo neutralizzando un colpo di testa ravvicinato, ma non è impeccabile sul primo gol del Pordenone e sul secondo respinge centralmente e non lateralmente il tiro di Ciurria, spedendo la sfera sui piedi di Zammarini. Il voto non sarebbe drammatico, ma l’uscita disperata su Diaw a 10’ dal termine non concede attenuanti, anche perché la sua espulsione lascia la Regia senza il suo portiere titolare per almeno un turno.

Gyamfi 5,5 Lotta come un leone, ma soffre troppo la rapidità e la potenza di Diaw. È infatti lui a cercare di intervenire in scivolata proprio sul gol dell’attaccante che lo anticipa di un soffio. Anche sul secondo gol si accorge tardi che la palla arriva a Zammarini.

Gatti 5,5 Un debutto dal primo minuto nel quale cerca di dare il massimo. Gioca una partita abbastanza attenta, ma fatica sui guizzi di Zammarini e Ciurria favoriti dai “buchi” lasciati dai compagni a centrocampo. Ha comunque fisico e qualità: deve e può crescere.

Costa 5,5 Risolve bene alcune situazioni, ma complessivamente non esalta. Dà indubbiamente più sicurezza quando gioca con Rozzio al suo fianco. Fatica anch’egli a fermare la rapidità e la potenza di Diaw.

Libutti 6 Non sfrutta una bella palla di Pezzella nel primo tempo, poi in attacco lo si vede poco ma è l’unico che ci prova; dietro difende ordinatamente. Senza una punta avrebbe dovuto aiutare maggiormente la fase offensiva, ma fatica a trovare i tempi di inserimento (dal 17′st Cambiaghi 5,5: ci prova con qualche spunto sulla fascia, ma senza esito).

Varone 5 Nel primo tempo ha una ghiotta occasione, ma non trova il tempo per la battuta a rete. Recupera diversi palloni, ma ne sbaglia altrettanti in fase di appoggio. Entra troppo frettolosamente e superficialmente su Ciurria che poi infila Cerofolini con un sinistro imprendibile per il 3-0 finale (dal 22′st Voltan 5,5: entra forte con una bella serpentina in area ma non riesce a intendersi con i compagni).

Muratore 5 Nel primo tempo Alvini lo richiama diverse volte, l’ex Juve cerca di dargli retta, ma fa fatica; gira molto a vuoto e aiuta poco in fase di costruzione (dal 1′st Mazzocchi 5,5: da attaccante non si vede se non per un servizio in area a Radrezza; da portiere al posto di Cerofolini nemmeno, per fortuna).

Pezzella 5,5 Costruisce con precisione e copre abbastanza bene. Nel primo tempo dà una gran palla dentro a Libutti che non riesce a sfruttare. In occasione del primo gol viene letteralmente bruciato da Mallamo. Calcia appena alta una punizione nel primo tempo poi cala vistosamente alla distanza.

Zampano 5 Fatica in fase difensiva, non lo si vede a livello offensivo. Fa il suo compitino, ma con un modulo come quello granata gli esterni devono essere decisivi nella doppia fase e lui non vi riesce (dal 17′st Lunetta 5,5: al rientro dopo lunghe settimane di stop cerca di spingere, ma la situazione della Reggiana, anche a livello psicologico, è compromessa).

Radrezza 6 È l’unico a provarci lì in mezzo, cerca soluzioni offensive interessanti per Kargbo, mandandolo due volte al tiro. Copre e raddoppia dietro. Nella ripresa sfiora di un niente l’incrocio dei pali su calcio di punizione e spreca un servizio di Mazzocchi calciando tra le braccia di Perisan.

Kargbo 5 Nel primo tempo va per due volte vicinissimo al gol: calcia a lato sull'invito di Radrezza e al 45' si fa respingere da Perisan la palla del possibile 2-1. Al 20' il giallo per simulazione in area non fa gridare allo scandalo. Con questo modulo è troppo solo e più di tanto non può fare. Nella ripresa sparisce completamente dal campo (dal 33’st Zamparo s.v.: gioca praticamente a casa sua, ma non si vede).

All. Alvini 5 Trova la soluzione giusta mettendo Pezzella davanti alla difesa e avanzando il raggio d’azione di Muratore, però toglie una punta rinunciando a parte della fase offensiva. Sulla carta ci poteva stare, ma il campo non gli dà ragione con la Reggiana che soffre troppo le iniziative neroverdi. A questa squadra sono mancate tre cose: un po’ di qualità, leggi Fausto Rossi, corsa e capitan Rozzio. I cambi nella ripresa non sortiscono effetto, il tecnico di Fucecchio purtroppo non ha la bacchetta magica.

Vota il migliore granata in campo

Commenti

Un anno da ricordare: il 2020 granata
Reggiana, è notte fonda. Il Pordenone la spunta con un secco 3-0