Primo Piano

Antonioli dopo il k.o. di Pavia: «La colpa è solo nostra, serve un altro tipo di cattiveria»

«La classifica? Vedremo nel girone di ritorno come saremo messi»

Gian Marco Regnani
28.10.2018 18:00

Mauro Antonioli © Reggio Audace FC

«Siamo andati bene fino agli ultimi 20 metri poi è mancato qualcosa - spiega Mauro Antonioli dopo il triplice fischio che ha sancito la sconfitta dei granata a Pavia - Nell'intervallo ho inserito un giocatore esperto come Boldrini davanti e ho cambiato Staiti perché aveva accusato un problema fisico nel riscaldamento. Alla prima mezza occasione il Pavia ha trovato il tiro della domenica con Balla mentre a noi gli episodi non sono stati altrettanto fortunati come con la traversa di Broso. Abbiamo perso, dobbiamo solo stare zitti...».


Questa sconfitta a chi va attribuita?
«Non diamo la colpa ai giovani, anzi oggi Piccinini ha disputato una grande partita. Il k.o. dipende da tutti, ma credo che l'impegno non sia mancato quindi chiediamo scusa e basta».

La scelta di Piccinini ha stupito...
«Bardeggia aveva accusato qualche problema giovedì, ma Piccinini era tutta la settiamna che si allenava bene e anche oggi ha confermato di essere in forma».

Ha visto la prestazione che si aspettava dai suoi ragazzi?
«Fino agli ultimi 20 metri sì: purtroppo per la mole di gioco che creiamo finalizziamo poco. Il Pavia, se non consideriamo l'ultimo quarto d'ora dove eravamo tutti sbilanciati in avanti, ha fatto veramente poco per impensierirci».

Adesso cosa si fa?
«Dobbiamo fare qualcosa perche i risultati non ci danno ragione: ho visto poca cattiveria negli ultimi 20 metri ed è proprio lì che dobbiamo migliarare. Sembriamo una squadra bellina ma inconcludente, qualcosa va fatto...».

Assisteremo a degli sconvolgimenti? 
«Non credo. Abbiamo provato tante cose nelle ultime settimane e credo che la squadra sia migliorata. Servono però un altro tipo di cattiveria e convinzione per portare a casa la partita, si vede che quello fatto finora non basta».

Bisogna forse mettere da parte i sogni di gloria?
«No, quelli vanno sempre coltivati. Ripartiamo dal basso senza guardare troppo la classifica, guardiamo a noi stessi e giochaimo partita dopo partita. Nel girone di ritorno vedremo come saremo messi».


Vota il migliore granata in campo di Pavia-Reggio Audace

Commenti

Le pagelle di Pavia-Reggio Audace. Male la difesa, buon esordio di Piccinini
Lancetti e Russo: «Condannati da un episodio, Antonioli non è in discussione»