Primo Piano

Bardeggia e Zamparo stendono la Calvina, Narduzzo salva i granata nel finale

Gli uomini di Antonioli ritrovano la vittoria davanti al pubblico di casa

Lorenzo Chierici
03.03.2019 16:45

La Reggio Audace gioca un ottimo primo tempo, nel quale segna due reti, poi si spegne nella ripresa e la Calvina accorcia le distanze. Soltanto un paio di interventi eccellenti di Narduzzo impediscono ai granata un clamoroso pareggio al "Città del Tricolore", quando avevano la partita in mano.

PRIMO TEMPO. Mister Antonioli deve fare i conti con una formazione rimaneggiata, capitan Spanò va in tribuna e Ungaro agisce titolare al centro della difesa, mentre Narduzzo è recuperato in extremis fra i pali; in panchina rientrano Osuji e il portiere "under" Rossi. Nella Calvina gioca Luche, che ad inizio stagione era nelle file della Reggiana e proprio dopo 2’ l’ex granata si fa vedere con un tiro dalla distanza che termina sul fondo. La Reggio Audace parte comunque col piede giusto e poco dopo sfiora il gol con un bel traversone da sinistra di Belfasti che Zamparo non aggancia per pochi centimetri in area piccola. Il gol sembra nell’aria e arriva al 15’ quando la Calvina perde palla sulla trequarti granata, Staiti lancia subito Dammacco che supera in velocità un avversario e di esterno serve Bardeggia solo a centro area, dove, di destro, trafigge l’incolpevole Garletti. La Calvina cerca di reagire, ma arriva soltanto a vedersi rimpallato un tiro di Franzoni respinto da Cigagna col corpo. Al 26’ il raddoppio granata: Staiti si beve due avversari in velocità, entra in area e viene contrastato in modo irregolare da Zambelli: per l’arbitro è rigore. Dal dischetto Zamparo trafigge l’estremo avversario senza pietà, gonfiando la rete alla destra del portiere ospite: 2-0. Gli ospiti si rimboccano le maniche e cercano di accorciare le distanze al 29’ con un colpo di testa di Sorbo parato dall’attento Narduzzo, ma è la Reggiana al 32’ a sfiorare la porta con una conclusione di Staiti il cui tiro viene deviato in corner. Al 43’ Bardeggia subisce un brutto colpo da un avversario e resta a terra per due minuti: per fortuna nulla di grave, il giocatore si rialza e torna regolarmente in campo. 

SECONDO TEMPO. Nella ripresa parte forte la Calvina nel tentativo di accorciare le distanze e lo fa con una conclusione del suo uomo migliore, almeno oggi, Franzoni, che conclude bene a rete, ma trova la deviazione dell’ottimo Cigagna. La Reggiana capisce che se non riprende in mano le redini della gara rischia di vedere ridotto il proprio ventaggio in tempi brevi e infatti al 12’ ci prova con Cozzari, che conclude a rete, ma il portiere Garletti è reattivo e respinge il tiro. La Reggio Audace reagisce e al 18’ arriva al tiro con Dammacco, ma il portiere avversario neutralizza con un buon intervento. La partita è interessante e Moraschi conclude a rete con decisione, Narduzzo è attento e sventa la minaccia. La Reggio Audace ci crede e prova a imbastire un pericoloso contropiede che, al 18’, vede diversi granata in area, con Cozzari che non trova la via della rete, mentre sul ribaltamento di fronte il solito Franzoni arriva vicino a Narduzzo, ma la difesa recupera alla grande. Al 21’ la Reggio Audace si fa sorprendere da Moraschi che, da ottima posizione, calcia in rete; Ungaro, nel tentativo di intercettare il tiro, devia le spalle alle spalle del proprio portiere: 2-1. La Reggiana sa che deve chiudere la gara per essere tranquilla e ci prova al 34’ con Staiti che, con uno spunto dei suoi, costringe Garletti alla parata di piede. Risponde la Calvina per le rime e Zambelli dopo un rimpallo favorevole conclude bene a rete, ma Narduzzo si supera e sventa la minaccia, negando il pareggio agli ospiti. I bresciani non mollano e al 39’ arrivano vicinissimi al pareggio con una punizione splendida del solito Franzoni che, dalla lunghissima distanza, scarica un siluro che colpisce la base interna della traversa, senza però che il pallone entri in campo; la sfera arriva a centro area, dove Moraschi, in mezza girata, non inquadra la porta, calciando in curva nord. A due minuti dal termine dei tempi regolamentari Zamparo, da buona posizione conclude a rete, ma calcia alto, mentre avrebbe potuto servire due compagni liberi a centro area. L’arbitro, poco dopo, assegna ben 6 minuti di recupero nei quali la Calvina potrebbe ancora pareggiare con Moraschi che, di punta, in mezzo a una selva di gambe, cerca il primo palo, ma Narduzzo è bravissimo e si distende, salvando il risultato. Negli ultimi scampoli di gara, in pieno recupero, Ponsat controlla bene un pallone al limite dell’area, ma non trovando lo spazio per il tiro, scarica il pallone sull’accorrente Cavagna che calcia deciso, ma il suo tiro finisce a lato della porta difesa da Garletti. Dopo pochi istanti l’arbitro fischia la fine e questa Reggiana, tutt’altro che brillante, soprattutto nella ripresa, porta a casa tre punti che la tengono in scia di Pergolettese e Modena.


La diretta

Le pagelle

Le interviste:


Vota il migliore granata in campo
 

Il tabellino

REGGIO AUDACE-CALVINA 2-1
Marcatori: pt 15’ Bardeggia, pt 26’ pt rig. Zamparo, st 21’ Moraschi. 
REGGIO AUDACE (4-3-3): Narduzzo; Masini (dal 23’ st Bran), Ungaro, Cigagna, Belfasti (dal 38’ st Casanova); Staiti, Cavagna, Cozzari (dal 32’ st Cozzolino); Dammacco (dal 22’ st Osuji); Zamparo, Bardeggia (dal 38’ st Ponsat). A disp.: Rossi, Venturelli, Palmiero, Piccinini. All.: Antonioli.
CALVINA (4-3-3) Garletti; Kopani (dal 1’ st Gentili), Chiari, Sorbo (dal 13’ st Bonaccorsi), Zambelli; Franzoni, Jadid (dal 31’ st Danza), Bertoli (dal 31’ st Tomasoni); Luche, Serafini (dal 21’ st Triglia), Moraschi (Micheletti, Arrigoni, Brunelli, Miglio). All.: Beccalossi.
Arbitro: Bordin di Bassano del Grappa.
Note - Spettatori: 3378. Ammoniti: Dammacco, Narduzzo, Luche. Angoli: 1-5. Recupero tempo: pt 2', st 6'. Durante l'intervallo il presidente Quintavalli ha consegnato la maglia della Reggio Audace all’Associazione Senonaltro che riceverà dalla tifoseria granata i fondi raccolti durante la settimana.

Commenti

Girone D, i risultati della 26ª giornata: il Modena vince in scioltezza, la Pergolettese in rimonta
Antonioli: «Abbiamo rischiato di rovinarci la partita da soli»