Primo Piano

Riforma dei campionati all'orizzonte: nascerà una Serie B con due gironi e 40 squadre?

Secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe in cantiere una corposa ristrutturazione delle competizioni dalla Serie B fino alla Serie D

Redazione TuttoReggiana
05.05.2020 12:15

Campionati in sospeso, promozioni in bilico e tanti ricorsi all'orizzonte. Come potrebbe uscirne il calcio italiano dalla tempesta Coronavirus? Una soluzione ha provato a darla ieri sera Michele Criscitiello su Sportitalia: secondo quanto emerso dal canale sportivo, dietro le quinte il mondo del pallone tricolore sta lavorando ad una riduzione dei club professionistici dagli attuali 100 (20 di a e B, 50 di C) ad un numero massimo di 60.

La vera rivoluzione riguarderebbe l'attuale Serie B  che, già dalla prossima stagione, potrebbe passare da 20 a 40 squadre divise in due gironi: alle attuali 20 partecipanti si aggiungerebbero altrettanti club di Lega Pro, ossia le tre capoliste e altri 17 club da selezionare con criteri ancora da individuare ma possiamo tranquillamente supporre che la Reggiana farebbe parte di questa elite. L'attuale Serie C potrebbe cambiare nome ("terza serie" è un'ipotesi), perdere lo status di campionato professionistico, quindi accogliere le 9 vincitrici dei gironi di Serie D ed altre società dal mondo dei dilettanti che si andrebbero ad aggiungere alle restanti 40 squadre reduci dalla "promozione di massa" nella nuova B.

Realtà o fantasia? Difficile, al momento, immaginare che una ristrutturazione di così grande impatto possa essere portata a compimento nel giro di poche settimane/mesi. Probabilmente ne sapremo qualcosa di più nel weekend, dato che venerdì 8 maggio è in programma il Consiglio Federale (rinviato a data da destinarsiil quale dovrà decidere il destino della stagione 2019/20 e gettare le basi per quelle venture.

Commenti

Media punti, coefficiente di ponderazione o mini playoff. Cosa succederà in Lega Pro? La Reggiana può continuare a sognare
Salta il Consiglio Federale in programma venerdì. Il mondo del calcio prende tempo