Primo Piano

Quintavalli: «La Reggiana ha autodenunciato il diritto alla salute. Se questa non è "forza maggiore"...»

Il presidente dopo la rinuncia alla trasferta di Salerno: «Se servisse dimostrare ancora una volta al mondo non solo sportivo che per reagire bisogna subire, allora prendeteci come esempio»

Redazione TuttoReggiana
31.10.2020 18:35

Il presidente granata Luca Quintavalli ha affidato al suo profilo Facebook un lungo messaggio dopo la rinuncia della sua squadra a prendere parte alla partita con la Salernitnana che potrerà ad una sconfitta per 3-0 a tavolino.

«Prima di tutto i calciatori sono uomini. Vivono il dramma della malattia fuori dal campo e la situazione difficile di un calcio diverso, in campo - scrive Quitavalli - Non tutti godono di contratti milionari e il loro compenso è lo stipendio di un lavoratore che dona se stesso a quel sogno di 90 minuti fatto di lacrime e sudore spesso lontano da casa. La Reggiana è stata la prima a subire il dramma della malattia a febbraio e ancora la prima oggi ad autodenunciare quel sacrosanto diritto alla salute e quindi alla vita, isolandosi nella diligente attesa della guarigione: se tutto questo non si chiama “forza maggiore” allora questo non è più calcio». «I calciatori come gli sponsor come i soci e come la gente - prosegue Quintavalli - hanno dato un aiuto concreto alla società in momenti difficili scrivendo pagine di storia che rileggeremo come monito di un passato giusto: questo rimarra’ come virtù nella storia del nostro club e della nostra città. Di questo neppure io come Presidente mai mi dimenticherò, perché il bene di uno è il bene di tutti e il bene di tutti è il bene di ognuno. Non parleremo certamente ai nostri figli tra qualche anno di 3 punti regalati perché stavamo guarendo da una pandemia globale non potendo giocare». «Stiamo uniti - conclude il presidente - Se servisse dimostrare ancora una volta al mondo non solo sportivo che per reagire bisogna subire, allora prendeteci come esempio: ne usciremo, statene certi, più forti di prima».

Anche il sindaco Luca Vecchi ha espresso il suo punto di vista tramite i propri canali social. «La Reggiana ha 18 positivi al Covid fra i giocatori e altri 5 nello staff - ha ricordato il primo cittadino - Sino a ieri erano 29. La squadra non scenderà in campo a Salerno e perderà 0-3 a tavolino. Mentre molti dirigenti anche di altre squadre invocavano la sospensione della partita nulla si è udito dai vertici del calcio italiano di serie B. Tutto questo è incomprensibile. Ci sono i regolamenti ma ci sono anche il buon senso e lo spirito sportivo che suggerisce di non infierire contro un avversario che lotta contro un virus mortale. Di questi ultimi due, in questa brutta vicenda, non c'è traccia alcuna».

Commenti

Serie B, i risultati della 6ª giornata: Chievo e Frosinone in vetta, acuti in trasferta per Monza e Pordenone
Tosi su tutte le furie: «Abbiamo subito un'ingiustizia facendo da cavia! Tutti se ne sono infischiati!»