L'avversario

Ascoli, la rinascita dei bianconeri è targata Sottil

I bianconeri marchigiani per centrare la sesta salvezza consecutiva hanno rivoluzionato la squadra sul mercato

Redazione TuttoReggiana
12.02.2021 19:25

© Ascoli FC

L'arrivo in panchina di Andrea Sottil a fine dicembre ha dato una svolta alla stagione dell'Ascoli, fino a quel momento deludente dopo ben due cambi di allenatore (Bertotto e Delio Rossi): dal penultimo posto, infatti, i bianconeri sono risaliti in classifica fino al quartultimo e ora si giocano la salvezza con molta più consapevolezza, sempre centrata negli ultimi sei anni. Nelle 8 gare della gestione Sottil sono arrivate 4 vittorie (di pregio quelle contro Spal e Lecce), 3 pareggi e una sola sconfitta con il Cittadella, ma l'Ascoli si è contraddistinto soprattutto per aver trovato punti preziosi a tempo scaduto, come successo in occasione dell'ultima gara pareggiata a Frosinone e nei successi con Brescia e Reggina.

LA ROSA RIVOLUZIONATA. La finestra di mercato invernale ha portato tanti cambiamenti in rosa: il colpo da novanta è stato l'ingaggio dell'attaccante Federico Dionisi (da 7 anni al Frosinone), subito a segno con tre gol in tre partite, a formare una temibile coppia con il bosniaco Bajic, miglior marcatore con 6 reti. Se ne sono andati il fantasista Chiricò e le punte Tupta e Ninkovic, in ingresso ecco Simeri (squalificato domenica) e gli esterni Parigini (dal Genoa) e Stoian (ex Chievo e Crotone in Serie A). Sabiri ha trovato la propria dimensione sulla trequarti (5 gol per lui), a centrocampo c'è qualità con Saric e Buchel. Il neoacquisto D'Orazio contende la fascia sinistra a Kragl, a destra Pucino è una garanzia, Brosco guida la retroguardia, fra i pali c'è Nicola Leali, già in Serie A con Cesena e Frosinone. Fuori rosa l'ex Reggiana Michele Cavion, da tre anni in bianconero dopo due stagioni importanti alla Cremonese, che si è rifiutato di scendere in campo dopo la mancata cessione nel mercato invernale. 

PRECEDENTI. Il match di andata, condizionato dalle numerose assenze per Covid fra i granata, terminò 2-1 per l'Ascoli, ma la Reggiana recriminò per il pareggio annullato all'ultima azione. In totale sono 13 i passati incontri, con vittorie granata (memorabile il 4-2 ai playoff di Lega Pro nel 2015), 6 successi bianconeri e 5 pareggi. L'ultimo precedente al "Città del Tricolore" risale al 9 novembre 2014, quando la Reggiana di Colombo venne sconfitta 2-0 con i gol di Pirrone e Addae in Serie C. Nella stagione 1992/93 l'ultimo confronto in B, quando la Regia di Marchioro fu fermata dai marchigiani sullo 0-0 al "Mirabello" davanti ad oltre 8mila spettatori.

Commenti

Gli highlights di Chievo-Reggiana 1-0
Gabriel Lunetta migliore granata in campo di Chievo-Reggiana