Primo Piano

La Reggiana rialza la testa e abbatte il Vicenza con Ajeti e Muratore

Alvini cambia modulo e ritrova gol e vittoria dopo cinque k.o. consecutivi. Biancorossi sconfitti 2-1 con una prova cinica e intelligente

Gianluca Ferrari
23.01.2021 16:15

Questa volta, più che il solito cuore, è stata la testa a risvegliare la Reggiana. I granata, grazie ad una prestazione coriacea e di grande attenzione, tornano alla vittoria in campionato superando 2-1 il Vicenza, una delle dirette avversarie per la corsa salvezza. Di Ajeti (di testa su punizione di Radrezza) e Muratore (destro dal limite) le reti che regalano tre punti fondamentali agli uomini di Alvini. Fortunatamente ininfluente l'errore di Cerofolini che regala il gol agli ospiti nel finale di gara.

LA PARTITA. Un po' a sorpresa, Alvini cambia modulo: i granata si presentano in campo con il 4-3-1-2 con Libutti e Gyamfi terzini e Muratore ad irrobustire il centrocampo al fianco di Varone e Del Pinto. Kargbo-Ardemagni è la coppia d'attacco con Radrezza a supporto. E il cambio ha i suoi effetti: la Reggiana si dimostra squadra più compatta e quadrata che cerca di giocare in non più di 20 metri come dettato ad alta voce da Alvini durante il match. Rozzio e compagni fanno la partita per quasi tutto il primo tempo, sbloccando la gara nell'unica vera occasione da gol. Al 18' la punizione tagliata di Radrezza dalla trequarti trova la spizzata vincente di Ajeti che porta in vantaggio i granata siglando il primo gol della sua stagione. Ma la Reggiana è altrettanto efficace in fase difensiva concedendo solamente un tiro dal limite di Cinelli che finisce ampiamente largo. Nella ripresa sono gli ospiti a prendere in mano il pallino del gioco nel tentativo di rimettere in discussione la gara, ma i granata sono attenti e concentrati su ogni palllone e non lasciano nemmeno un centimetro agli avversari (Cerofolini mai impegnato). E come nel primo tempo, colpiscono il Vicenza nell'unico tiro in porta della ripresa trovando il 2-0: Del Pinto recupera palla sulla trequarti, cede a Muratore che vince un rimpallo, si guadagna lo spazio di tiro pur contrastato da Cinelli e scarica un perfetto destro all'angolino che non lascia scampo a Grandi. Il Vicenza si getta in avanti, ma sbatte nuovamente sul muro granata, abbattuto solamente dall'errore in uscita di Cerofolini negli ultimi secondi della partita, che non trattiene il pallone e provoca il gol di Zonta. La Reggiana torna così alla vittoria dopo ben 8 giornate e pone fine ad un digiuno in zona gol che durava da 616 minuti. La classifica rimane pericolante ma il futuro, adesso, fa molto meno paura.

Vota il migliore granata in campo

Il tabellino
REGGIANA-VICENZA 2-1
Marcatori: 8′pt Ajeti (R), 28′st Muratore (R), 49′st Zonta (V).
REGGIANA (4-3-1-2): Cerofolini; Libutti, Ajeti, Rozzio, Gyamfi (dal 39′st Yao); Varone (dal 39'st Espeche), Del Pinto, Muratore; Radrezza (dal 25′st Pezzella); Kargbo (dal 14′st Mazzocchi), Ardemagni (dal 25′st Zamparo). A disposizione: Venturi, Voltolini, Gatti, Lunetta, Zampano, Cambiaghi, Kirwan. Allenatore: Massimiliano Alvini.
VICENZA (4-3-1-2): Grandi; Bruscagin, Pasini, Cappelletti, Barlocco; Agazzi (dal 12′st Vandeputte), Pontisso (dal 28′st Zonta), Cinelli; Giacomelli (dal 20′st Dalmonte); Meggiorini (dal 20′st Gori), Marotta (dal 12′st Jallow). A disposizione: Perina, Zecchin, Beruatto, Padella, Valentini, Rigoni, Longo. Allenatore: Domenico Di Carlo.
Arbitro: Alessandro Prontera di Bologna (Perrotti-Lanotte; Marcenaro).
NOTE - angoli: 2-6. Ammoniti: Varone, Gyamfi, Meggiorini, Pezzella. Recupero: 0+4. Partita disputata a porte chiuse.

Commenti

Serie B, i risultati della 19ª giornata. Regia in zona play out ma dietro si ferma solo il Pescara
Rozzio: «Una vittoria che vale doppio. Era importante dare un segnale»