Primo Piano

Alvini: «Sconfitta immeritata. I ragazzi devono avere fiducia e continuare a seguirmi»

L'allenatore granata traccia la strada da seguire dopo il beffardo k.o. di Verona: «Prestazione importante. Dobbiamo migliorare in alcune situazioni dal punto di vista tecnico e tattico»

Mauro Falduto
11.02.2021 00:20

Massimiliano Alvini non nasconde la delusione per la beffa arrivata nei minuti di recupero con il Chievo, ma guarda anche con fiducia ai prossimi impegni di campionato con la consapevolezza di avere tra le mani una squadra forte e combattiva.

«Questa è una sconfitta che non ci stava assolutamente - ha sottolineato il tecnico di Fucecchio a fine gara - E' stata una delle migliori partite della stagione. Eccetto il gol del Chievo, sono stati 92 minuti significativi dal punto di vista tecnico, tattico e fisico. Quella della Reggiana è stata una prestazione importante».

Le otto novità in campo sono state delle scelte fatte nell’ottica del triplo impegno settimanale o semplicemente erano una mossa per sorprendere il Chievo?
«Cerofolini e Del Pinto erano fuori per infortunio e anche Ardemagni non stava benissimo quindi non lo abbiamo voluto rischiare. Ho fatto fare un po’ di rotazione a Radrezza e Varone e ho tenuto a riposo Gyamfi. Nel complesso, chi è andato in campo ha fatto bene ed ero sicuro sarebbe stato così. Non è stata quindi una scelta in funzione del Chievo».

Cos’è mancato per portare a casa dei punti?
«La squadra ha fatto una partita importante e ci ha messo disciplina e ordine quindi non è mancato tanto. Il mio obiettivo è far crescere questi calciatori nella loro coscienza di uomini, per far fronte ad alcuni momenti che possono capitare in un partita. E’ un lavoro profondo per cercare di migliorare ulteriormente questa squadra».

Nonostante la sconfitta, sente crescere la fiducia in vista della prossima partita contro l’Ascoli?
«Non ho mai perso fiducia in questa squadra. Abbiamo avuto qualche problema nei mesi precedenti, ma il nostro obiettivo è sempre stato chiaro. I giocatori sono sul pezzo e sanno quello che devono fare. Devo complimentarmi con loro per come stanno lavorando e affrontando queste partite. C’è solo da migliorare in alcune situazioni dal punto di vista tecnico-tattico e nella coscienza personale».

Cos’ha detto ai ragazzi negli spogliatoi a fine partita?
«Ho detto loro che non meritavamo questa sconfitta, ma per crescere devono sempre dare il loro meglio. Quando vieni in questo campo e fai una partita del genere, devi portare a casa dei punti. Sappiamo qual è la strada da percorrere e per noi non sono solo parole. I ragazzi devono continuare ad avere fiducia e seguirmi in quello che sarà il percorso per raggiungere la salvezza».


Vota il migliore granata in campo di Chievo-Reggiana

Commenti

Le pagelle di ChievoVerona-Reggiana. Laribi e Lunetta suonano la carica, i cambi non incidono
Salerno: «Dobbiamo essere orgogliosi di questa squadra»