Primo Piano

Reggiana da applausi, tre gol mettono il Monza k.o.

Dopo un primo tempo equilibrato i granata svoltano il match nella ripresa con le reti di Radrezza, Kargbo e Mazzocchi

Redazione TuttoReggiana
06.12.2020 17:15

© AC Reggiana

Sotto una pioggia battente e contro una squadra costruita per la promozione in Serie A, la Reggiana gioca una partita tutta grinta segnando ben tre reti e risale diverse posizioni in classifica. Il match contro il Monza non era certo sulla carta il più agevole in questa fase del campionato, ma i granata di Max Alvini hanno saputo anche soffrire per poi colpire nei momenti decisivi con le giocate preziose di Radrezza e trovando il primo gol in Serie B di Augustus Kargbo.

LA PARTITA. La Reggiana deve fare a meno dello squalificato Costa, in attacco si rivede Kargbo dal primo minuto in coppia con Zamparo, con Mazzocchi inizialmente in panchina. Fra i brianzoli allenati da Cristian Brocchi è assente la stella Boateng, mentre non è ancora tesserato l'ultimo acquisto Balotelli. In avvio è il Monza che cerca di impostare il proprio ritmo: Cerofolini è subito pronto sul tiro ravvicinato di Mota Carvalho, dopo due minuti la prima conclusione per la Reggiana è di Zamparo, lanciato in contropiede da Kargbo, poi Lunetta calcia male da buona posizione. Al 10' Kargbo, lanciato splendidamente in profondità da Rossi, crea scompiglio in area di rigore trovando però i guantoni di Lamanna, il Monza tiene per maggior tempo il possesso palla e al 24' potrebbe colpire con il croato Maric, ma il tiro del croato è debole. I granata difendono con ordine e sprecano un paio di contropiedi, poco prima dell'intervallo la migliore occasione è sui piedi di Kargbo, il cui diagonale sfiora il palo per pochi centimetri.

Nel secondo tempo la Reggiana rientra in campo con grande intensità, recrimina per un dubbio fallo da rigore di Carlos Augusto su Lunetta, ma al 10' scatta l'esultanza quando Radrezza soffia il pallone a Machin e sigla il vantaggio con un preciso sinistro da fuori area. Il Monza è una squadra con esperienza e qualità, ma pecca di lucidità in area: Mota Carvalho sbaglia clamorosamente a tu per tu con Cerofolini, lo stesso portiere granata è bravo a tenere la posizione sul colpo di testa velenoso di Sampirisi su calcio d'angolo. Mister Alvini è costretto a sostituire Lunetta per problemi muscolari (al suo posto Libutti), ma la Reggiana non si scompone e anzi raddoppia: al minuto 25' Radrezza illumina con un lancio lungo perfetto per Kargbo che in velocità si prende gioco di Bellusci e Paletta e firma il 2-0 approfittando della papera del portiere Lamanna. Il Monza si riversa in attacco cercando di riaprire la partita, il neoentrato Gytkjaer va a rete ma è in fuorigioco. Le idee per gli ospiti sono confuse, così Mazzocchi (entrato bene al posto di Zamparo) mette il sigillo al match con un bel tiro dal limite dell'area. Nel finale la Reggiana non corre grandi rischi, l'unica nota stonata è il rosso diretto (eccessivo) per Cambiaghi per un fallo su Barillà.

 

Vota il migliore in campo

 

Il tabellino

REGGIANA-MONZA 3-0
Marcatori: st 10' Radrezza, st 25' Kargbo, st 43' Mazzocchi
REGGIANA (3-4-1-2): Cerofolini; Ajeti, Rozzio, Martinelli; Kirwan, Rossi, Varone (44' st Espeche), Lunetta (13' st Libutti); Radrezza (33' st Pezzella); Kargbo (33' st Cambiaghi), Zamparo (13' st Mazzocchi). A disposizione: Voltolini, Venturi, Zampano, Gatti, Voltan, Marchi. Allenatore: Massimiliano Alvini.
MONZA (4-3-1-2): Lamanna; Sampirisi, Paletta (29' st Donati), Bellusci, Carlos Augusto; Frattesi, Barberis, Colpani (29' st Barillà); Machin (29' st Marin); Dany Mota, Maric (20' st Gytkjaer). A disposizione: Sommariva, Di Gregorio, Fossati, Bettella, Scaglia, Armellino, Lepore, Pirola. Allenatore: Cristian Brocchi.
Arbitro: Matteo Gariglio (Colarossi-Caliari; Ricci).
Note - Ammoniti: Varone, Sampirisi, Ajeti, Cerofolini, Bellusci, Martinelli. Espulsi: Cambiaghi al 46' st. Angoli: 2-11. Partita disputata a porte chiuse.

Commenti

Serie B, i risultati della 10ª giornata. Il Cosenza pareggia a Vicenza, Salernitana sempre in vetta
Alvini: «Non è stata la partita perfetta, ma quella che volevamo fare»