Primo Piano

Modena troppo forte per la Reggiana, Zamparo lotta ma non basta: all'orizzonte un nuovo anno in Serie D

I canarini dominano 4-1 con la doppietta di Ferrario e le reti di Sansovini e Baldazzi, per i granata gol e palo di Zamparo e poco altro

Lorenzo Chierici
26.05.2019 18:30

Il saluto della squadra alla Curva che ha risposto con gli applausi

Alla Reggiana sarebbe servito un successo, mentre al Modena sarebbe bastato un pareggio e invece i canarini hanno portato a casa questa finale playoff rifilando 4 gol ai granata che giocano solo a palle lunghe e creano pericoli solo col bomber Zamparo, autore del gol della bandiera. Il Modena quindi potrebbe essere riammesso alla Lega Pro a luglio inoltrato mentre la Reggiana dovrà molto probabilmente ricominciare di nuovo dalla Serie D. Tornando al derby di oggi, il Modena era privo del centrale Gozzi, ex granata e reggiano purosangue, mentre la Reggiana non aveva i terzini titolari Masini e Belfasti e infatti sugli esterni i granata hanno sofferto. Il Modena passa nel primo tempo giocando meglio della Reggiana, poi dilaga nella ripresa con Ferrario e Sansovini, strepitosi nel capitalizzare le occasioni avute, mentre i granata giocano solo a lanci lunghi, trovando soltanto il gol della bandiera e un palo col solito fantastico Zamparo

PRIMO TEMPO. Dopo 5’ Cigagna, da destra, crossa per Zamparo che stacca alla grande di testa, ma Piras vola e devia la sfera in calcio d’angolo con un ottimo intervento. Poco dopo ci prova Pastore dal limite ma non trova la porta, mentre lo stesso Zamparo, qualche istante più tardi, riceve palla sul centro destra, rientra, poi dal limite calcia debolmente fra le braccia del portiere canarino. Al 10’ la Reggiana corre un grave pericolo: Pettarin si trova il pallone sul sinistro e calcia deciso da pochi passi, la sfera non è difficile da gestire, ma Rossi la respinge sui piedi di Sansovini che, di sinistro, non trova lo specchio di piatto sul quale interviene Cigagna, ma l’arbitro ferma l’azione per l’off side dello stesso Sansovini. La Reggiana cerca di reagire con una punizione alta di Staiti che termina alta. Al 18’ il Modena si fa pericoloso con un’apertura di Pettarin per Ferrario che, di sinistro, calcia in porta, ma Spanò devia in corner, mandando il pallone oltre la traversa, ma al 22’ il Modena passa: traversone da destra di Bellini, Spanò interviene di testa e respinge il pallone, ma lo manda sui piedi di Ferrario, appostato sul palo lontano e l’attaccante canarino, conclude in porta di sinistro al volo, ma Matteo Rossi respinge di piede; la sfera torna sui piedi di Ferrario che infila di destro sul secondo palo: 1-0. Al 35’ la Reggiana prova a pareggiare: Pastore spinge sulla sinistra, entra in area, poi cerca un tiro-cross sul secondo palo, sul quale l’estremo modenese respinge con qualche affanno. Al 41’ è Staiti a scaricare un missile di sinistro al volo verso la porta canarina, su corta respinta della difesa, ma la palla termina alta.

SECONDO TEMPO. Dopo un minuto di gioco Pastore perde palla sulla trequarti, Rabiu la intercetta e serve l’ottimo Duca che calcia forte, ma non trova la porta per poco. Al 5’ il Modena raddoppia: bell’azione corale dei canarini che portano la sfera sui piedi di Marco Sansovini che, si aggiusta il pallone e scarica di destro un missile che si infila a fil di palo alla destra del portiere, con Cavagna che, invece di pressarlo, lo lascia tirare senza problemi. Al 9’ Zamparo serve Ponsat di testa, ma il numero undici granata viene anticipato da Zanoni che costringe Piras alla difficile deviazione in corner. Il Modena cerca di spingere in contropiede, ma Bran ci mette una pezza, mentre la Reggiana tenta di impensierire Piras con Dammacco, ma il tiro finisce a lato. Antonioli vede che la Reggiana non gioca e toglie Cavagna, mettendo dentro Alvitrez davanti alla difesa e i granata spingono un po’, ma proprio nell’unico periodo di sussulti granata, al 17’ Staiti perde palla, Calamai vede Ferrario che attacca perfettamente la profondità e lo serve con un bel rasoterra sulla corsa, poi il bomber canarino, con uno splendido diagonale chirurgico da destra verso sinistra, va a baciare la base interna del palo, trafiggendo l’incolpevole Rossi: 3-0. Il Modena insiste e Sansovini, di sinistro, calcia di poco alto una bella punizione da destra. I granata rispondono con una bella punizione, ma centrale, di Dammacco, respinta dal portiere, poi ci prova Ponsat con un bel tiro da fuori, ma non inquadra lo specchio. Al 36’ Zamparo scappa sul filo dell’off side, supera il portiere e un difensore rientrando poi sul sinistro, ma al momento del tiro colpisce un attento Piras. Il bomber al 39’ segna il gol del 3-1: bella punizione di Alvitrez sul secondo palo, dove Zamparo si inserisce bene e segna di testa, schiacciando il pallone per terra. Il Modena segna anche il quarto gol con un bel colpo di testa di Ferrario, ma l’arbitro annulla per la posizione di off side dell’attaccante, mentre un minuto dopo Zamparo, il migliore tra i granata, colpisce il palo alla destra del portiere, con un magistrale tiro a giro di sinistro, poi la sfera finisce sul fondo. Al 49’ il quarto gol: Bran perde palla a sinistra, Rabiu la mette in mezzo e il neo entrato Balzazzi trafigge Rossi sul primo palo di piatto destro. Ha vinto la squadra più forte, mentre il progetto granata è decisamente da rivedere.


La diretta

La sintesi

Le pagelle

Le interviste:

I risultati delle altre finali


Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

MODENA-REGGIO AUDACE 4-1
Marcatori: al 22’pt Ferrario (M), al 5’st Sansovini (M), al 17’st Ferrario (M), al 39’st Zamparo (R), al 49’st Baldazzi (M).
MODENA (4-3-1-2): Piras; Bellini, Perna, Berni, Zanoni (dal 42’st Magliozzi); Rabiu, Pettarin (dal 38’st Loviso), Calmai (dal 29’st Montella); Duca (dal 44’st Boscolo Papo); Ferrario, Sansovini (dal 42’st Baldazzi). A disp.: Deye, Boscolo, Letizi, Magliozzi, Ndoj, Messori. All.: Malverti.
REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Rossi, Cigagna, Spanò, Rozzio, Casanova (dal 6’st Bran); Staiti, Cavagna (dal 7’st Alvitrez), Pastore (dal 24’st Cozzari); Sanat (dal 6’st Dammacco); Zamparo, Ponsat. A disp.: Venturelli, Palmiero, Bardeggia, Cozzolino, Osuji. All.: Antonioli.
Arbitro: Galipò di Firenze, coadiuvato da Ravera di Lodi e Landoni di Milano.
NOTE - spettatorI 9167 (1523 da Reggio), incasso di 47000 euro circa; ammoniti al 44’pt Duca, al 5' st Sansovini, al 38’st Zanoni (M); al 22’st Bran, al 44’st Ponsat (R); calci d’angolo (4-1); minuti di recupero 2’pt + 5’st.

Commenti

Le pagelle di Modena-Reggio Audace: Zamparo sopra tutti, deludono Staiti e Ponsat
Antonioli: «Modena più forte ma questo gruppo ha dato tutto quello che aveva»