L'avversario

Reggiana, con la Samb c'è un tabù da sfatare!

Con Capuano in panchina i rossoblù hanno cambiato marcia e puntano ancora ad insidiare il Padova

Gianluca Ferrari
09.02.2018 10:30

Dopo il vittorioso ritorno in campo contro il Renate, i granata di Eberini sono attesi da un'altra importante sfida al vertice, quella in casa della lanciatissima Sambenedettese in programma sabato alle ore 16.30 al "Riviera delle Palme", campo sul quale la Reggiana non è mai uscita vincitrice.

I marchigiani sono secondi in classifica a quota 34 punti (+2 sui granata) e non sono così in alto nel girone di ritorno di serie C dal lontanissimo campionato 1980-1981 quando, guidati da Nedo Sonetti, conquistarono la promozione tra i cadetti. I rossoblù vengono inoltre dall'importante pareggio sul campo del Padova capolista, risultato che ha permesso ai granata di ridurre a 10 i punti di distanza dalla vetta. La Sambenedettese ha iniziato molto bene il campionato conquistando cinque vittorie nelle prime otto giornate, poi è incappata in una serie di risultati negativi che hanno portato all'esonero del tecnico Moriero alla 13ª giornata, sostituito da quell’Eziolino Capuano appena liberatosi dal contratto che lo legava al Modena. La cura del vulcanico tecnico campano ha dato i suoi frutti: la squadra è risalita dal settimo al secondo posto in classifica raccogliendo 17 punti in 10 partite, frutto di 4 vittorie, 5 pareggi e una sola sconfitta maturata a Salò lo scorso 20 gennaio. Il punto di forza dei rossoblù è sicuramente la difesa con 17 gol subiti in 21 gare (uno in più della Reggiana) e anche l’attacco viaggia quasi allo stesso ritmo di quello granata (26 reti contro le 23 di Cesarini e compagni).

Bomber della squadra è il classe ‘92 Luca Miracoli (9 gol, uno proprio alla Reggiana) che, in un'intervista rilasciata a TuttoC, in settimana ha alzato i toni della sfida cercando di tenere alta la concentrazione dei suoi compagni: "Contro la Reggiana credo sia il match più importante dell'anno. A gennaio si è rinforzata ed è molto agguerrita per le prime posizioni. Sicuramente non è la stessa squadra dell'andata. Riuscire a vincere sabato per noi sarebbe cruciale per staccare i nostri diretti concorrenti. Sono sicuro che il pubblico ci spingerà tantissimo". Un occhio di riguardo andrà dato ai vari Esposito, Valente e Di Massimo che hanno dato il loro importante contributo nella prima parte di stagione. Dal mercato invernale sono stati acquistati rinforzi di qualità come il portiere Perina in prestito dal Cosenza, i centrocampisti Alessandro Marchi dal Livorno e Bellomo (cugino di Cianci) dall'Alessandria e infine l’attaccante Stanco dalla Cremonese, arrivato come alternativa di sostanza a Miracoli.

I PRECEDENTI. Sono 25 i confronti tra Reggiana e Sambenedettese avvenuti a partire dal lontano 1952: il bilancio è in equilibrio con 6 vittorie a testa e 13 pareggi. Fuori casa i granata non hanno mai vinto: 4 sconfitte e 8 pareggi. Nelle ultime due stagioni il tabellino ha registrato solo “2-0”: vittoria casalinga dei granata nella scorsa stagione (Nolè, Manconi), doppio k.o. nelle Marche nel marzo 2017 e al “Città del Tricolore” lo scorso 30 settembre, partita che ha coinciso con l’esonero di mister Menichini.


(Nella foto Luca Miracoli, in gol al "Città del Tricolore" lo scorso 29 settembre © Riviera Oggi)

Commenti

26ª giornata, Reggiana-Santarcangelo anticipata alle 16.30
Coppa Italia Serie C, Padova eliminato dal Pontedera