Primo Piano

Reggiana travolgente a Bolzano, Marchi trascina i granata al terzo successo

L'ex altoatesino firma una doppietta e propizia la sesta rete stagionale di Scappini. Debutto positivo ma sfortunato per Costa, uscito ad inizio ripresa per crampi

Lorenzo Chierici
15.09.2019 17:30

foto Bordoni

La Reggiana espugna per la prima volta nella sua storia il "Druso" di Bolzano e si proietta nuovamente in vetta alla classifica di Serie C (in attesa delle gare iniziate alle 17:30). La legge dell'ex non tradisce mai e Mattia Marchi, da ex attaccante degli altoatesini nel 2010-2011, trafigge il Südtirol sul finire del primo tempo, poi regala l'assist per l'eurogol di Scappini ad inizio ripresa e serve un perfetto pallone per il rigore fischiato su Lunetta; poi, come se non bastasse, trasforma di sinistro il penalty del definitivo 3-0.

LA FORMAZIONE. Massimiliano Alvini conferma il 3-4-1-2 con Narduzzo tra i pali, una super linea difensiva formata da capitan Spanò, Rozzio e Andrea Costa, poi Libutti a destra, Rossi e Varone a centrocampo, mentre a sinistra gioca dal primo minuto Lunetta. Dietro alle punte Staiti, con Scappini e Marchi là davanti.

PRIMO TEMPO. A scaldare i guantoni dei portieri ci prova dopo 9 minuti il Südtirol con una conclusione di Morosini, ma Narduzzo è attento e risponde alla grande, deviando la sfera oltre la traversa. All'11' ci prova Scappini, su perfetto filtrante di Lunetta, ma il suo diagonale di sinistro, viene controllato in due tempi dal portiere Cucchetti. Tre minuti dopo Morosini calcia una punizione che termina di poco a lato, alla destra del portiere. Al 17' invece è la Reggiana a sfiorare la via della rete: bella sgroppata a sinistra dell'ottimo Lunetta che salta Tait e lo salta, mette in mezzo un gran pallone rasoterra sul quale nessuno riesce ad intervenire in prima battuta; la sfera arriva dall'altra parte, dove Libutti rimette in mezzo per Staiti che, di piatto destro, piazza il pallone, ma l'estremo avversario ci arriva sulla sua destra e devia in corner. Il Südtirol risponde per le rime, ma trova solo un paio di tiri ribattuti dalla difesa granata. Poco dopo un colpo di testa di Romero, su perfetto traversone da dietro di Berardocco, termina alto; mentre al 26' sono i granata a farsi pericolosi con un'inzuccata di Marchi che finisce sul fondo. Al 29' invece la Reggiana sfiora il gol: Scappini serve Marchi in mezzo che non ci arriva, neppure Varone, mentre Lunetta conclude bene di sinistro, ma Cucchietti respinge alla grande in calcio d'angolo. Al 3' ci prova Varone dalla distanza, ma il suo tiro è centrale. Al 40' la Reggiana passa in vantaggio: punizione dal limite dell'area sulla quale vanno i tre specialisti, Rossi, Costa e Varone. Costa finta il tiro e calcia Varone; il portiere Cucchietti respinge, ma la sfera arriva nei pressi di Mattia Marchi, ex di turno, che scarica un missile sotto la traversa, portando i granata in vantaggio: 0-1. Al 45' gran traversone da destra di Tait sul quale si avventa il centravanti Romero, che calcia quasi a botta sicura, sul limite dell'area piccola, ma Libutti si immola e ribatte il tiro in scivolata, salvando i granata.

SECONDO TEMPO. Neppure il tempo di scendere in campo e 12 secondi dopo il fischio dell'arbitro, Costa lancia alla grande Marchi che spezza il pallone di testa sul quale Stefano Scappini si avventa e calcia di prima intenzione, infilando la sfera in fondo al sacco, alla destra di Cucchietti che riesce solo a toccare il pallone: 0-2. Davvero un gol di grande spessore tecnico. Al 5' la Reggiana è costretta a fare a meno di Andrea Costa per un problema muscolare (si spera crampi); al suo posto sale Espeche che fa assolutamente ciò che deve. Al 13' Libutti dialoga alla grande con Mattia Marchi che gli restituisce il pallone alto, mandando Libutti al traversone; lo stesso esterno serve di nuovo Marchi che non trova lo spazio per il tiro e imbuca alla grande Lunetta, che rientra dal sinistro sul dentro, tanto da costringere al fallo Gatto, che gli tocca il piede d'appoggio. Il rigore è sacrosanto. Sul dischetto si porta proprio Marchi, che, di sinistro, spiazza Cucchietti: 0-3. Al 17' il Sudtirol va vicino a riaprire la partita con una sassata del neo entrato Rover che termina sul fondo per pochi millimetri. Inizia la girandola dei cambi, i biancorossi inseriscono Davì e Rover, mentre la Reggiana inserisce Kirwan, Rodriguez e Zanini per Libutti, tra i migliori, Scappini e Staiti. Al 29' la Reggiana sfiora davvero il quarto gol: Varone, in mischia, colpisce bene verso la porta avversaria, da pochi passi, ma la sfera si infrange contro la traversa. Al 34' la Reggiana di nuovo vicina al poker con una conclusione parata dal portiere avversario. Di chi? Marchi, ovviamente. Il Südtirol prova ad accorciare con Davì, ma il suo tiro è fuori; poi, Rozzio rischia il pasticcio perdendo palla al limite dell'area, ma Petrella, a tu per tu con Narduzzo in uscita, calcia alto. A quel punto la Regia cerca di tenere palla e non concede nulla agli avversari, arrivando anche al tiro con Varone che non trova la porta e dopo 4' di recupero la Reggiana esulta ancora.


La diretta

Le pagelle

Le interviste:


I risultati della 4ª giornata


Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

SÜDTIROL-REGGIANA 0-3
Marcatori: 40' pt Marchi, 1' st Scappini, 14' st Marchi su rig..
SÜDTIROL (4-3-1-2): Cucchietti; Tait, Polak, Vinetot, Fabbri (17' st Davi); Gatto, Berardocco (16' st Rover), Morosini (31' st Trovade); Petrella; Turchetta (1' st Casiraghi), Romero (7' st Mazzocchi). A disp.: Taliento, Grbic, Ierardi, Alari. All.: Stefano Vecchi.
REGGIANA (3-4-1-2): Narduzzo; Spanò, Rozzio, Costa (4' st Espeche); Libutti (21' st Kirwan), Varone, Rossi, Lunetta (27' st Martinelli); Staiti (20' st Zanini); Marchi, Scappini (20' st Rodriguez). A disp.: Voltolini, Santovito, Favale, Radrezza, Haruna, Kargbo. All.: Massimiliano Alvini.
Arbitro: Maggio di Lodi, coadiuvato da Agostino di Sesto San Giovanni e da Cortinovis di Bergamo.
NOTE - Ammoniti: Costa, Tait, Varone. Angoli: 5-2. Recupero: 1+5. 350 tifosi da Reggio Emilia. 

Commenti

I risultati e la classifica della 4ª giornata. Pareggio tra Padova e Carpi, Reggiana in vetta
Alvini: «Partita interpretata bene, ma la vera Reggiana potremo giudicarla quando indosseremo le maniche lunghe»