Primo Piano

Il "Mago" Cesarini: «Orgoglioso di aver indossato la maglia numero 10. La Regia tornerà presto dove merita»

«Il calcio è di chi lo ama e non di chi senza rispetto ha distrutto un sogno di migliaia di persone...»

Redazione TuttoReggiana
19.07.2018 18:00

Alessandro Cesarini è arrivato a Reggio nell'estate del 2016 dopo il fallimento del Pavia e con alle spalle un infortunio fastidioso che lo ha tenuto relegato in panchina fino all'autunno inoltrato: a distanza di due anni lo stesso destino beffardo lo vede abbandonare la Reggiana per gli stessi motivi con un altro pesante infortunio dal quale recuperare.

Il "Mago" è stato probabilmente il giocatore più applaudito e apprezzato dal pubblico granata sin dal suo arrivo, forse perché le giocate che dipingeva in campo ricordavano un po' quel Beppe Alessi che da capitano pochi mesi prima aveva appeso gli scarpini al chiodo. Dopo 68 presenze e 22 gol in maglia granata anche per il numero 10 di Sarzana è arrivato il momento dei saluti...

«Non era certo questo il modo in cui un giorno sognavo di salutare la Regia - scrive Cesarini sui suoi profili social - Certamente nessuno di NOI meritava una cosa del genere...Ne noi giocatori che ogni domenica entravamo entusiasti in un Giglio sempre pieno di maglie granata pronte a sostenerci, ne chi lavorava per noi ogni giorno per permetterci di rendere al meglio, ne tantomeno una squadra storica come la Reggiana che il prossimo anno compie 100 anni e ne soprattutto i tifosi granata... a loro voglio dire GRAZIE.. GRAZIE per le emozioni che mi hanno regalato...e per l’affetto incondizionato che ho ricevuto sempre da grandi e bambini fin dal primo giorno in cui Grammatica due anni fa dopo un estate per me difficile mi porto’ qua e per questo lo ringrazierò sempre...passando per tantissimi momenti indimenticabili vissuti insieme che porterò per sempre con me..sono orgoglioso di aver portato la maglia n.10 di una squadra così importante,vestita in precedenza da giocatori che hanno fatto la storia Granata.. per questo e per molto altro voglio dire GRAZIE a tutti... Il calcio e’ di chi lo ama e lo vive ogni giorno con passione e non di chi senza rispetto ha distrutto un sogno di migliaia di persone.. ma i sogni sono fatti per essere realizzati e sono certo che la Regia tornerà presto dove merita di stare e quando lo farà sarà ancora più bello.. FORZA REGIA...DAI CANDOM».

 

 

A post shared by Alessandro Cesarini (@alecesa_10) on

Commenti

Le Teste Quadre: «Auspichiamo che il sindaco sappia trovare persone in grado di garantirci un futuro»
Riverniciati i muri della sede di via Mogadiscio, sulla cancellata spunta una lettera