Mercato

UFFICIALE: tris di acquisti per la Reggio Audace, arriva Nicola Luche

In granata anche i giovani difensori Cozzolino (Messina) e Cigagna (Venezia)

Redazione TuttoReggiana
20.08.2018 19:00

Luche assieme al dg Russo al momento della firma sul contratto

La notizia era già nell'aria da tempo ma ora è arrivata l'ufficialità. Nicola Luche, ex attaccante della FeralpiSalò, è un nuovo giocatore della Reggio Audace FC. Assieme alla punta classe '98, la società ha perfezionato l'acquisto dei difensori Gennaro Cozzolino (1998, a destra nella foto) ed Emanuele Cigagna (1999, in basso nella foto), provenienti rispettivamente da Messina e Venezia (in prestito), che vanno a rinforzare la nutrita schiera degli under a disposizione di mister Antonioli.

Questo il comunicato stampa diramato dalla società:

"La Reggio Audace FC ufficializza i primi tre acquisti per la stagione 2018/19: Nicola Luche, Gennaro Cozzolino ed Emanuele Cigagna.

Nicola Luche è una seconda punta classe ’98 in uscita dal FeralpiSalò. È un giocatore esplosivo e fa della velocità il suo punto di forza. Ha fatto il suo debutto in serie C nell’agosto 2016 e ha realizzato il suo primo goal da professionista il mese successivo nella vittoria del FeralpiSalò sul Lumezzane.

Gennaro Cozzolino è nato a Torre del Greco (NA) il 13 gennaio 1998. È un terzino duttile e di temperamento che può ricoprire il ruolo di centrocampista. Nell’ultima stagione ha collezionato 32 presenze con 1 goal a Messina in serie D. Cozzolino era seguito da diversi club di categoria superiore prima di scegliere Reggio Emilia per la prossima stagione.

Emanuele Cigagna è un difensore centrale classe ’99. Nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia della formazione primavera del Venezia mettendo a segno 6 reti, la più recente alla Sampdoria nell’ultimo Torneo di Viareggio. Per varie volte è stato aggregato alla prima squadra".

Commenti

Reggio Audace, definito l'organigramma del Settore Giovanile e delle Attività di Base
Luche: «Ricordo bene il grande pubblico reggiano, non vedo l'ora di vestire la maglia granata»