Primo Piano

Reggiana, inizia il raduno: centinaia di tifosi hanno accolto i granata ad Albinea

Primo allenamento diretto da mister Antonioli sotto gli occhi attenti della dirigenza e di oltre 500 supporter

Redazione TuttoReggiana
13.08.2018 19:30

La nuova rosa granata in posa davanti ai tifosi © Foto Artioli

Finalmente calcio! Dopo mesi di trattative, cordate e riunioni l'attenzione torna a spostarsi sul rettangolo verde, più precisamente quello del "Poggio" di Albinea dove oggi pomeriggio verso le 17 la nuova truppa granata ha svolto il primo allenamento agli ordini di mister Antonioli e del suo staff.

È bene specificare che nessuno dei presenti ha ancora firmato un contratto che lo lega alla Reggio Audace e pertanto ci saranno diversi movimenti in entrata e in uscita nei prossimi giorni, ciononostante il numeroso pubblico assiepato sulla tribuna dell'impianto albinetano non ha mancato di applaudire e riservare cori alla squadra (c'era anche il Melo, tifoso simbolo di questa triste estate granata) con Gruppo Vandelli e Teste Quadre in prima fila a sventolare i bandieroni e a colorare l'atmosfera con diversi fumogeni. I 16 giocatori (mancavano all'appello Narduzzo e il portiere Del Giudice bloccato da un virus intestinale) hanno sostenuto nella mattinata le visite mediche coordinate dal dottor Ligabue e nel pomeriggio, dopo la classica foto di rito, hanno iniziato a sudare con un breve riscaldamento prima di cimentarsi in alcuni esercizi tattici per poi ritornare negli spogliatoi un'ora e mezzo più tardi dopo una partitella a metà campo a una sola porta.

Domani la squadra si ritroverà per una doppia seduta alle ore 9.30 e alle 17 sempre al "Poggio" dove gli allenamenti proseguiranno sino al termine di agosto. I calciatori arrivati da fuori provincia, tra i quali il serbo Propadalo reduce da un estenuante viaggio in auto, risiederanno a Reggio presso l'Hotel Airone.

 

Commenti

Reggio Audace, completato l'organico dell'area comunicazione
Quintavalli: «La città e i tifosi si aspettano tanto da noi, lavoreremo duro per non deludere nessuno»