Primo Piano

Le pagelle di FeralpiSalò-Reggiana

Venturi dietro la lavagna, Kargbo brutta copia di se stesso. Scappini una certezza, gli esterni non deludono

Lorenzo Chierici
23.01.2020 00:01

Venturi 5 Sarebbe stato un 4, ma con la punta delle dita ha salvato il risultato nel finale. L'errore commesso resta comunque gravissimo: Rozzio non avrà calciato molto forte quel pallone, ma non doveva tentare il dribbling bensì spedire la palla in tribuna. Cose che capitano? Sì, ma non quando si vuole salire in Serie B.

Spanò 6,5 Ha fatto la sua solita partita praticamente priva di sbavature. Ha spinto magari meno del solito, ma si è comunque fatto vedere anche in zona offensiva.

Rozzio 6,5 Dietro non sbaglia più di tanto, ad eccezione di una mancata chiusura nel secondo tempo quando Maiorino cerca il diagonale che poi finisce sul fondo, per il resto di grossi errori non ne fa e cerca anche di fare gol, con una mezza girata e un tiro da lontano.

Espeche 6,5 Anche lui fa il suo compito, argina bene le poche sfuriate della Feralpi e non fa correre grossi pericoli a Venturi.

Libutti 7 Spinge di più di altre volte, mette in mezzo diversi palloni magari non sfruttati ed è attentissimo sulla sua fascia.

Varone 7 Corre tanto e cerca anche il gol, che non arriva, ma colpisce una traversa di testa. Pennella un paio di palle interessanti per Scappini (dal 43'st Valencia sv : pochi minuti per essere valutato).

Rossi 6,5 La Reggiana gioca e se gioca è perché il suo regista tocca molti palloni e lo fa girare. Non arriva praticamente mai al tiro, ma quando si spinge Varone lui deve arginare eventuali contropiedi davanti alla difesa e lo ha fatto con precisione.

Lunetta 6,5 Titolare a sorpresa non delude. Mancano i 90 minuti e lo sappiamo, ma arriva a crossare diverse volte e si rende pericoloso, oltre ad essere pronto al rientro in fase difensiva (dal 19'st Favalli 6,5: entra col piglio giusto e per poco non realizza il gol partita, ma De Lucia gli fa una parata da grande campoine, togliendogli la palla dal palo lontano con la punta delle dita. Buon impatto).

Staiti 6,5 Schierato da mister Alvini dal primo minuto al posto di Radrezza per controllare il regista Carraro, la "iena" granata fa il suo dovere e si libera al tiro diverse volte. Dà anche palle interessanti e impegna il portiere in alcune occasioni portando a casa una buona prestazione (dal 19'st Radrezza 6,5: appena entra sfiora subito il gol partita con un gran diagonale che finisce fuori di un soffio).

Scappini 8 Gioca rimpinzato di antidolorifici, stringe i denti e va avanti. Quando ha la possibilità di tirare a rete lo fa ed è senz'altro mostruoso. Fa un gol alla Van Basten, il nono in campionato, liberandosi con un paio di contromovimenti dell'aversario, poi la mette là dove il portiere non può arrivare. È l'unico a tirare veramente in porta con pericolosità e per la Reggiana resta un giocatore fondamentale. Se stesse bene non sarebbe in Serie C.

Kargbo 5 Sembra la brutta copia del giocatore della scorsa partita nella quale è stato determinante. Abulico, impreciso anche quando un suo guizzo avrebbe potuto risolvere la gara. Nel finale getta al vento almeno un contropiede che grida ancora vendetta, facendo un passaggio superficiale, quando, con un po' più di concentrazione, avrebbe potuto capitalizzare meglio quel pallone d'oro (dal 43'st Brodic sv: tocca pochissimi palloni e sembra centri davvero poco con questa squadra, ma diamogli tempo).

Mister Alvini 7 Ha messo in campo la squadra che riteneva opportuna in base a ciò che ha visto in settimana e anche l'idea di inserire un trequartista come Staiti per arginare la fonte di gioco avversaria era doppiamente giusta: da una parte ha ringalluzzito la mezzala granata, dall'altra ha effettivamente bloccato un giocatore interessante. Se fosse entrato nella teste di Venturi al momento del retro passaggio di Rozzio la Reggiana non avrebbe perso, ma neppure Max Alvini è dotato di poteri telepatici. Per ora...


Vota il migliore granata in campo di FeralpiSalò-Reggiana

Commenti

Fausto Rossi non demorde dopo Salò: «Il Vicenza resta nel mirino»
Scappini, il nono gol non basta: «Dobbiamo essere più cinici»