Primo Piano

Laribi: «Il girone di ritorno regala sempre delle sorprese. Speriamo che possa esserlo la Reggiana»

Il centrocampista classe '91 ha trascinato la Reggiana al successo contro l'Entella: «Non c'è tempo per festeggiare. La strada è ancora lunga...»

Mauro Falduto
08.02.2021 00:45

© AC Reggiana

A Pisa è stato il migliore in campo, con la Virtus Entella non è voluto essere da meno trovando la prima rete in maglia granata e disegnando il passaggio che ha portato al gol decisivo di Muratore. Karim Laribi si è già preso la Reggiana sulle spalle e l'obiettivo è quello di trascinarla verso la salvezza.


Karim, quali sono state le parole di Mister Alvini a fine partita?
«Il mister ci ha detto che non abbiamo fatto nulla, anche se questo rappresenta per noi un ottimo risultato contro una diretta rivale. Tuttavia non c’è tempo di festeggiare perché dobbiamo già pensare a mercoledì alla partita contro il Chievo. La strada è lunga e mancano ancora tante partite».

Il primo gol in maglia granata è arrivato proprio al "Città del Tricolore". Com’è stato tornare in questo stadio dopo la finale playoff persa con il Bari?
«Ammetto che qualche sensazione l’ho avuta… Quella finale rappresenta per me una grande delusione, ma ormai è acqua passata e bisogna solo guardare avanti».

Con Alvini si corre e si lavora tanto e lo si è visto anche al momento della tua sostituzione, in cui sembravi piuttosto stanco…
«In effetti ho sentito un po’ di stanchezza fisica, anche perché è da luglio che non gioco. Il mister mi ha messo subito in campo a Pisa e ho fatto 80 minuti in un campo non proprio leggero. Poi anche quella contro l'Entella è stata una partita molto tosta».

Questa è una Reggiana che può dire la sua nel girone di ritorno?
«L’importante è ripartire dal lavoro quotidiano. Il girone di ritorno della Serie B regala sempre sorprese. Speriamo di poter essere tra queste».


Vota il migliore granata in campo di Reggiana-Virtus Entella

Commenti

Alvini: «Con tre modifiche abbiamo vinto la partita. Guardiamo avanti con fiducia»
Varone: «Questa è la strada giusta per raggiungere la salvezza»