Primo Piano

A Scandiano poche emozioni e nessun gol, ma si rivede Venturi

Contro il Como la squadra di Alvini ha fatto le prove generali per la ripresa del campionato con il Ravenna

Redazione TuttoReggiana
05.01.2020 18:00

Pari e patta tra Reggiana e Como nell'ultimo (e unico) test prima dell'inizio del girone di ritorno. La formazione lariana, militante nel girone A di Serie C in 14ª posizione, ha impensierito varie volte la squadra di Alvini mettendo in luce qualche scoria di troppo da smalitre entro domenica prossimo quando al "Città del Tricolore" arriverà il Ravenna. Tra le mura amiche mancheranno tre pilastri della squadra per squalifica, Varone (oggi in campo per 90'), Rozzio e Kirwan (entrati nel corso della ripresa).

Il test di Scandiano è da ricordare soprattutto per il debutto tra i pali di Venturi, finalmente in campo per l'intera durata del match con tanto di caschetto protettivo, ma le troppe assenze hanno inevitabilmente abbassato il livello del confronto, affrontato dai granata con uno sperimentale 3-5-2 che potrebbe essere riproposto tra 7 giorni. Lunghissima la lista degli indisponibili, tutti però presenti in tribuna assieme agli oltri 500 tifosi accorsi al "Torelli": Radrezza fermato dalla febbre, Voltolini e Favale out per due acciacchi fisici, Scappini e Lunetta ancora alle prese con i rispettivi programmi di recupero, Costa fermato da un problema muscolare, Narduzzo k.o. al ginocchio. L'ultimo arrivato Valencia ha iniziato solamente ieri ad allenarsi, per questo lo staff tecnico ha deciso di non mandarlo in campo.


SECONDO TEMPO

45' La partita si conclude sullo 0-0 con un tentativo al volo da fuori area del giovanissimo Mori. I tanti cambi orchestrati da mister Alvini nella ripresa hanno ovvimente cambiato pelle alla Reggiana che si è resa pericolosa soprattutto con le accelerazioni di Kargbo, senza mai trovare però lo spunto giusto negli ulimi 20 metri e dimostrando qualche incertezza di troppo nella propria metà campo in fase di contenimento.

39' Ganzi di prima intenzione sul cross di Gabrielloni: palla alta

38' Varone di prima intenzione lancia Kargbo in porta, l'attaccante della Sierra Leone prende la mira e con un destro a giro cerca il gran gol ma la sfera esce di un metro

35' Destro di Ganz altissimo sopra la traversa

33' Santovito atterra Peli al limite dell'area: punizione interessante per il Como dal vertice alto sinistro dell'area di rigore granata

32' Punizione battuta da Varone dai 25 metri di distanza: conclusione che non inquadra lo specchio

30' Tiro di Marano, alto sopra la traversa

23' Bellemo stende Kirwan lanciato in campo aperto: cartellino giallo per il centrocampista lariano

22' Kargbo entra in area dalla sinistra e cade dopo un contrasto: arbitro inflessibile, nessun rigore

20' Nuovi ingressi per la Reggiana: Muro e Haruna. La partita però stenta a decollare...

3' Kargbo subito pericoloso sulla destra: si porta sulla linea di fondo e mette la sfera in mezzo dove Marchi non arriva alla deviazione vincente

1' Via alla ripresa con diversi cambi: dentro Rozzio, Kirwan, Santovito e Kargbo.

 

PRIMO TEMPO

45'+1 Dopo pochi secondi di recupero l'arbitro Delrio decreta la fine del primo tempo. Bene il Como nei primi 20', pericoloso in attacco contro una difesa granata in fase di rodaggio poi i ragazzi di Alvini hanno alzato il ritmo trovando qualche inserimento pericoloso soprattutto sulla sinistra tuttavia senza mai impensierire veramente l'ex Facchin

45' Staiti toccato duro da un avversario resta a terra dolorante a un piede ma si rialza dopo poco zoppicando

39' Marchi a tu per tu con Facchin ma si alza la bandierina del guardalinee

36' Ancora un tentativo in controbalzo di Zanini, tra i più attivi in questo primo tempo, parato senza problemi da Facchin

31' Varone lancia Zanini in contropiede, l'ex Lucchese si allarga sulla sinistra e mette in mezzo dove però non c'è nessuno

30' Botta al costato per Martinelli, intervengono in campo i santirari granata: nulla di grave per il centrale classe '91

25' Tiro senza pretese di Cereghin dai 30 metri, blocca facile Venturi

23' Miracoli cade in area a contrasto con Martinelli, tutto regolare per l'arbitro

17' De Nuzzo parte in contropiede ed entra in area di rigore, Spanò lo contrasta e aiuta Venturi a recuperare la sfera

16' Ancora Como pericoloso con Marano che anticipa un difensore granata a centro area ma non inquadra per pochi centimetri la porta

15' Reggiana pericolosa in area con un tentativo di prima intenzione di Zanini sul traversone dalla destra di Staiti, ben calibrato sul secondo palo

6' Punizione per il Como dalla destra, rimpallo in area poi ci prova Miracoli in rovesciata: palla che termina di poco alla sinistra del palo difeso da Venturi, oggi al "debutto" in campo con un caschetto a protezione del capo

5' Inizio propositivo dei granata che propongono in attacco la coppia Brodic-Marchi supportati da Staiti, Rossi e Varone in mezzo al campo con Zanini largo a sinistra e Libutti a destra. Linea difensiva composta da Spanò, Espeche e Martinelli

1' Prende il via l'amichevole tra granata e lariani accompagnata dal tifo di Teste Quadre e Gruppo Vandelli anche oggi al fianco degli uomini di Alvini 
 

Il tabellino

REGGIANA - COMO 0-0 (0-0)

REGGIANA (3-5-2): Venturi (dal 38'st Galeazzi); Spanò (dal 1'st Rozzio), Espeche (dal 23'st Galeotti), Martinelli (dal 1'st Santovito); Libutti (dal 27'st Mori), Staiti (dal 14’st Muro) Rossi (dal 1'st Kirwan), Varone, Zanini (dal 23'st Iaquinta); Brodic (dal 1'st Kargbo), Marchi (dal 14'st Haruna). Allenatore: Massimiliano Alvini.
COMO (3-5-2): Facchin (dal 1'st Zanotti); Crescenzi (dal 25'st Bianconi), Toninelli, Solini (dal 1'st Sbradella); Iovine (dal 38'st Ferrazzo), Celeghin (dal 21'st Kovadio), Bellemo (dal 23'st Raggio Garibaldi), Marano, De Nuzzo (dal 1'st Peli); Miracoli (dal 11'st Ganz), Gabrielloni (dal 30'st Culotta). A disposizione: Bovolon, Hmaidat, Bolchini, Vocale, Vincenzi. Allenatore: Marco Banchini.
Arbitro: Michele Delrio (Regattieri-Abagnale).
NOTE - Ammonito Bellemo (C); spettatori presenti 527; terreno di gioco pesante.

Commenti

Il valzer delle punte può aprire nuovi spiragli: il rinforzo sulla fascia deve attendere
Alvini: «La squadra non ha tradito nell'atteggiamento. Dal mercato aspetto una punta»