Primo Piano

Le probabili formazioni di Reggio Audace-Calvina

Spanò non recupera, Bardeggia ancora titolare con Ponsat in panchina

Redazione TuttoReggiana
02.03.2019 17:30

Gaetano Ungaro è pronto a guidare la difesa al posto di Spanò

Ancora una volta mister Antonioli deve fare i conti con un nutrito numero di assenti: per la sfida di domani alla Calvina alzano infatti bandiera bianca oltre al solito Rozzio anche Pastore, Alvitrez, Broso e Spanò. Il capitano ha accusato nei giorni scorsi un affaticamento muscolare di lieve entità: è stato convocato ma potrebbe anche accomodarsi in tribuna.

Tra i pali recupera in extremis Narduzzo nonostante il dolore al ginocchio non sia del tutto passato, mentre al centro della difesa sarà Ungaro a raccogliere la pesante eredità lasciata da Spanò; conferme per Masini e Belfasti sulle fasce. A centrocampo Osuji ha pochi minuti nelle gambe, pertanto rivedremo Cozzari al fianco di Cavagna e Staiti con Dammacco confermato sulla trequarti. Davanti terza chance dal primo minuto per il classe 2000 Bardeggia assieme al bomber Zamparo; Ponsat si accomoderà nuovamente in panchina, pronto ad entrare durante la ripresa.

La Calvina che si presenterà al "Città del Tricolore" dovrebbe rinunciare al tridente proponendo un più attento 4-4-2 con l'ex granata Luche schierato da esterno di centrocampo. In attacco Serafini è favorito su Moraschi per affiancare Triglia.
 

I probabili schieramenti

REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Narduzzo; Masini (‘99), Ungaro, Cigagna (‘99), Belfasti; Staiti, Cavagna, Cozzari (‘99); Dammacco (‘98); Bardeggia (‘00), Zamparo. A disposizione: Rossi, Venturelli, Spanò, Palmiero, Bran, Cozzolino, Casanova, Piccinini, Osuji, Ponsat. Allenatore: Mauro Antonioli.

CALVINA (4-4-2): Micheletti; Kopani (‘00), Mutti, Sorbo, Gentili (‘99); Luche (‘98), Miglio (‘99), Franzoni, Bertoli; Serafini, Triglia. A disposizione: Garletti, Mortara, Chiari, Zambelli, Arrigoni, Tomasoni, Danza, Jadid, Brunelli, Moraschi. Allenatore: Ennio Beccalossi.

Commenti

Reggio Audace e SENOnALTRO insieme per la prevenzione contro il tumore al seno
Antonioli: «Il campionato non è finito, dobbiamo creare una mentalità vincente»