L'avversario

L'avversario - Südtirol, un nuovo corso per restare tra le grandi

Sulla panchina altoatesina Stefano Vecchi ha preso il posto di Paolo Zanetti. I granata non hanno mai vinto al "Druso", perdendo solamente una volta

Tommaso Casotti
13.09.2019 19:00

©fc-suedtirol.com

Nella 4ª giornata di campionato la Reggiana affronta in trasferta il Südtirol, formazione che finora ha raccolto quattro punti, frutto di una vittoria (2-1 alla Vis Pesaro all'esordio), una sconfitta (2-3 in casa con il Carpi) e un pareggio (1-1 con il Rimini domenica scorsa).

La rosa biancorossa non è stata stravolta con il cambio di allenatore e le ambizioni restano sempre quelle di un campionato di vertice, dopo il biennio esaltante con Paolo Zanetti in panchina (secondo posto e semifinale playoff nel 2017/18): lo scorso anno il percorso ai playoff è terminato con sole due partite e ora la guida della squadra è affidata a Stefano Vecchi, tornato a Bolzano (dove già era stato nella stagione 2012/13) dopo le esperienze con Carpi, Inter Primavera e Venezia, per cercare la promozione in B mai avvenuta nella storia del club altoatesino.

Nel 4-3-1-2 visto nelle ultime uscite, in porta è titolare Cucchietti, ex Torino Primavera, in difesa agiscono gli esperti Vinetot e Polak, sulla fascia sinistra rientra dalla squalifica Fabbri, mentre nel ruolo di terzino destro è stato confermato il classe '98 Mario Ierardi, passato anche dalle giovanili della Reggiana. In rosa vi è anche il centrale Marco Crocchianti, sfortunato per la serie di infortuni che lo hanno attanagliato, le cui uniche presenze in C coincidono con la stagione di due anni fa alla Reggiana. Il centrocampo è di qualità con la regìa di Berardocco, il goleador Tommaso Morosini (tre gol in tre partite) e il fedelissimo Fabian Tait, fresco di rinnovo fino al 2023, mentre è ancora assente il capitano Fink, out per infortunio; in estate è arrivato l'ingaggio di Emanuele Gatto (ex Alessandria) a dare alternative per la linea mediana, così come sono colpi da novanta per la categoria gli innesti di Daniele Casiraghi (dal Gubbio) e Mirco Petrella (dalla Triestina) per fornire fantasia all'attacco. In avanti Turchetta e Mazzocchi sono garanzie e a loro si è aggiunto l'ariete Romero, già protagonista con le maglie di FeralpiSalò e Piacenza. Lunetta è passato (non senza rimpianti) alla Reggiana, al suo posto è arrivato via Inter il giovane Matteo Rover, che lo scorso anno ha preso parte alla trionfale promozione in B del Pordenone.

PRECEDENTI. È sempre regnato l'equilibrio nelle sfide tra Reggiana e Südtirol: 2 vittorie a testa e ben 8 pareggi. Al "Druso" i granata non hanno mai vinto, ma hanno perso solamente una volta (il k.o. per 0-3 nel 2013 costò l'esonero ad Apolloni) a fronte di 5 pareggi. Nella stagione 2017/18 gli ultimi precedenti: 1-1 in trasferta all'andata, vittoria per 2-1 in aprile al ritorno grazie alle reti di Altinier e Cesarini, ma quella giornata è ricordata soprattutto per il grave infortunio occorso a Spanò.

Commenti

Le probabili formazioni di Südtirol-Reggiana
Mister Alvini: «A Bolzano voglio vedere una Reggiana con le idee chiare e il coraggio di osare»