Primo Piano

Gli eroi granata - Costa: «Solo Reggio poteva farmi sentire ancora un calciatore e non è ancora finita...»

«In Serie B potremo dare fastidio. Cigarini? Si è fatto sentire, voleva che vincessimo i playoff e l'abbiamo accontentato»

Roberto Tegoni
25.07.2020 19:30

Tornato alla Reggiana come botto di fine mercato, il reggianissimo Andrea Costa ha coronato la sua stagione con la conquista della Serie B riusultando determinante nei tre spareggi playoff contro Potenza, Novara e Bari. Il difensore granata racconta le emozioni provate nella lunga e trionfante cavalcata e accenna anche al suo rapporto con Luca Cigarini, centrocampista del Cagliari diventato rumor di mercato sempre più insistente...

«Mentre i compagni festeggiavano la promozione mi è passato davanti tutto il film della stagione - racconta il centrale classe '86 di Rivalta - Ho ripensato alla scelta fatta di tornare: la Regia era l'unica squadra che poteva darmi gli stimoli giusti per dimostrare di poter dare ancora qualcosa nel mondo del calcio. Ho passato degli anni difficili e mi sono preso una rivincita, ma sento che c'è ancora tempo per togliersi altre soddisfazioni con questa maglia con la prospettiva di concludere la carriera qui».

Quali le emozioni più forti provate in questa stagione?
«Porto dentro il ricordo della vittoria nel derby a Modena. E' stato bellissimo esultare sotto la curva dei tifosi con i ragazzi e con il mister».

L'ultima stagione nella serie cadetta l'aveva vissuta sugli spalti...
«Erano anni difficili con emozioni contrastanti tra promozioni e retrocessioni. Ero abbonato e sono tutt'ora un tifoso granata».

Questa Reggiana parte già con il piede giusto per affacciarsi in Serie B?
«Sulle ali dell'entusiasmo penso che potremo fare un bel campionato ma ovviamente serviranno degli innesti. Con il sistema di gioco che abbiamo e la forza del gruppo potremo dare fastidio anche in B».

Cigarini si è fatto sentire?
«Quasi tutti i giorni. Voleva che vincessimo i playoff e dovremmo averlo accontentato. Siamo grandi amici ed è anche grazie al suo consiglio se sono tornato a Reggio».


Questo invece il messaggio affidato da Costa ai social: "Ci troviamo a volte a dover fare delle scelte, a volte, queste scelte, risultato impopolari, strambe, un po’ folli. Chi cambia lavoro, nonostante si trovi in una posizione invidiabile, chi decide di cambiare vita senza un motivo particolare. La risposta a “perché?” solitamente è confusa.. “non lo so, avevo bisogno di qualcosa di diverso” “non ero appagato” nonostante agli occhi dei più lo fosse. Io credo che a volte si scelga e si abbia il coraggio di scegliere, perché non puoi farne altrimenti. Perché se per molti risulti appunto folle, la scelta che fai é il risultato di quello che sentì dentro, magari da tempo. Confidi su te stesso, su chi ti conosce bene, perché solo tu e le persone a te vicine sanno che quella non è per niente una scelta folle ma l’unico modo per ritrovarsi è tornare a essere felici, in pace con se stessi, sicuramente rischiando più di quanto potresti eventualmente guadagnarci. Morale?? No lo so.. so solo che sono felice come un bambino a cui hanno fatto il regalo più bello del mondo ❤️".

Commenti

Quale Reggiana per la Serie B? Proviamo a immaginarla...
Amadei affetta la torta, si chiude in bellezza la stagione del Centenario