Primo Piano

Teste Quadre e Gruppo Vandelli insieme per il "Mirabello": «Mettiamolo in regola»

Appello alle forze politiche, in prossimità delle elezioni comunali, per la riqualificazione dell'impianto di via Matteotti

Redazione TuttoReggiana
13.04.2019 10:00

I gruppi organizzati della tifoseria granata hanno diffuso un comunicato nel quale riportano l'attenzione sulla spinosa questione del "Mirabello", rivolgendosi alle forze politiche impegnate in campagna elettorale in vista delle elezioni del prossimo sindaco in maggio.

Durante un recentissimo incontro avuto con l'attuale sindaco e con i vertici della società Reggio Audace, riguardante le iniziative legate al Centenario, che vogliamo portare avanti con il massimo impegno per onorare al meglio lo storico traguardo della nostra amata Reggiana, abbiamo affrontato un tema che a tutti noi tifosi granata sta molto a cuore. 

Abbiamo chiesto al sindaco Vecchi se è pronto ad impegnarsi riguardo la messa in regola del "Mirabello", risolvendo a breve termine ed una volta per tutte, l'intollerabile problema che insorge ogni qualvolta vi siano concomitanze tra le partite casalinghe della nostra Reggiana e dell'indesiderato ospite Sassuolo. Negli ultimi anni come purtroppo ben sappiamo, situazioni di questo tipo, ci hanno costretto troppe volte a stucchevoli teatrini, con inversioni di campo per partite di coppa estive, ricerche di località alternative disposte ad ospitare l'incontro o al posticipo di partite che hanno causato notevoli disagi a noi tifosi. Da sempre riteniamo che la Reggiana debba giocare al "Città del Tricolore". In primis perché rappresenta un suo pieno diritto giocare nello stadio costruito con il sacrificio economico dei propri tifosi. Ma anche perché risulta indispensabile, per potere ambire a campionati più dignitosi, avere a disposizione uno stadio a norma e prestigioso come il "Città del Tricolore". 

È vero, il "Mirabello" da quando è stato decapitato del settore distinti e delle gradinate è stato purtroppo condannato a fare parte del nostro indelebile passato. Ma riteniamo comunque fondamentale che esso debba essere messo a disposizione della nostra Città. Sia per le sopracitate situazioni contingenti, sia perché dentro quel tempio il cuore granata deve continuare a pulsare in eterno. Durante l'incontro l'attuale sindaco si è detto favorevole ad accogliere le nostre richieste e nel caso di rielezione ha promesso che sarà sua premura provvedere a porre la parola fine a questa situazione, che oltre a rappresentare un danno economico per la nostra collettività, lede profondamente la dignità non solo della tifoseria granata ma di tutta Reggio Emilia. 

Le medesime nostre richieste, sono rivolte ora a tutti i prossimi candidati sindaci della nostra Città. Ci rivolgiamo pertanto a tutte le forze politiche perché vogliano intendere questo nostro comunicato come una lettera aperta, invitando ognuno di loro a risponderci pubblicamente, spiegandoci le loro intenzioni a riguardo. Noi ascolteremo con profonda attenzione, come tifosi e soprattutto come elettori e veglieremo perché le loro non siano soltanto promesse da campagna elettorale



Teste Quadre
Gruppo Vandelli

Commenti

L'avversario - Axys Zola, imbattuto da sei partite per puntare alla salvezza
Reggio Audace ospite di Sarchio