Primo Piano

Il derby è gialloblù, la Reggiana lotta ma esce sconfitta da Modena

Zamparo sbaglia davanti al portiere, Ferrario no: canarini di nuovo in festa dopo 18 anni

Lorenzo Chierici
02.12.2018 17:00

La Regia soffre, lotta, poi si scioglie come neve al sole al gol di Ferrario e rimane a +8 dai canarini, perdendo anche la seconda posizione in classifica. Tanta delusione tra i circa 2500 reggiani accorsi al "Braglia", ma dal settore ospiti sono comunque arrivati applausi per i granata al triplice fischio.

INIZIO PROPOSITIVO. Dopo 3' di gioco ci prova subito Zamparo, ma il suo tiro non impensierisce l'estremo locale. Passano altri 5' e ci prova ancora la Reggio Audace con una conclusione su punizione di Cavagna, bloccata dal portiere canarino. Il regista granata non ci sta e al 14' conclude a rete, ma la traiettoria viene intercettata da Dieye. Due minuti dopo ancora la Regia con Masini che calcia fuori senza pretese. Il Modena prova a reagire, ma la difesa granata rimpalla le conclusioni dei gialli che, al 24', sfiorano però il gol del vantaggio: Boscolo Papo calcia da fuori, la palla viene rimpallata e si impenna, poi Ferrario gira di sinistro verso il palo lontano, ma la sfera termina di poco a lato. Nell'azione successiva è Messori a puntare da sinistra l'area granata, per poi far partire un missile che Narduzzo devia in corner. La sfida Messori-Narduzzo si ripete poco dopo, tant'è che il portiere granata vola e devia in corner. Ancora Narduzzo blocca a terra il tiro di Messori, classe 2000, una mezzala davvero interessante, l'anno scorso nelle file del Formigine in Eccellenza. A quel punto la partita cala di ritmo e solo al 43' Loviso cerca il gol su punizione, ma trova i pugni di Narduzzo, risponde la Reggiana al 45', con un colpo di testa di Osuji su corner da destra di Cavagna. Dopo un minuto di recupero, tutti negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO. Inizia subito forte il Modena con un sinistro di Ferrario bloccato senza problemi da Narduzzo, risponde subito la Reggiana con una punizione rasoterra di Zamparo, che finisce sul fondo, alla sinistra del portiere canarino. La Regia ci crede ed è pericolosa ancora con l'asse Zamparo-Osuji, con cross del centravanti e il mancato colpo di testa del fantasista granata, che non impatta il pallone dall'altezza dell'area piccola. Al 12' la Reggiana si mangia il gol partita: respinge la difesa del Modena, la palla viene riscodellata dentro per Zamparo che, tutto solo davanti all'estremo canarino, non arriva con convinzione sul pallone, ma sfiora solo il cuoio e Dieye si ritrova il pallone fra le mani. Al 21' il centravanti Ferrario gela il popolo granata: bell'azione bassa che si sviluppa sulla destra da parte del Modena e zampata del bomber: Boscolo Papo, dopo uno scambio con Sansovini, appena entrato in area, cerca Ferrario con un destro delizioso, e il bomber, di esterno destro, mette dentro sul primo palo, a pochi passi da Narduzzo, con Cigagna che ingenuamente lo tiene in gioco. La Reggiana ci prova con il un tiro alto di Staiti, poi mister Antonioli cambia: fuori il portiere Narduzzo per Rossi, quindi un 2000 in campo, e fuori Bardeggia, un 2000, che esce, per l'esperto Ponsat per rendere un po' più pesante l'azione offensiva dei granata. Pochi minuti dopo Antonioli mette dentro anche Belfasti a sinistra e Zaccariello davanti alla difesa, al posto di Cigagna e Cavagna, per provare a spingere con un terzino mancino puro, con Masini che va a destra, mentre Rozzio e Spanò tornano in mezzo a blindare la difesa. Per tentare il tutto per tutto il tecnico granata inserisce anche Luche, con il giovane fantasista dietro a Ponsat e Zamparo, mentre Osuji arretra in mediana, ma dopo il vantaggio di Ferrario i granata sembrano assolutamente spenti e privi di mordente. A quel punto il Modena gestisce la partita con tranquillità e la partita si spegne con il risultato di 1-0 per i canarini, sempre più lanciati verso la promozione diretta in Lega Pro.


La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:

Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

MODENA-REGGIO AUDACE 1-0
Marcatori: st 21' Ferrario.
MODENA (4-3-3): Dieye; Ndoj, Perna, Dierna, Zanoni; Boscolo Papo, Loviso, Messori (dal 44'st Gerace); Baldazzi (dal 44'st Pettarin), Ferrario (dal 37'st Ferretti), Sansovini (dal 29'st Bellini). A disp.: Piras, Cortinovis, Parisi, Falanelli, Berni. All.: Luigi Apolloni.
REGGIO AUDACE (4-3-3): Narduzzo (dal 26'st Rossi); Spanò, Cigagna (dal 28'st Zaccariello), Rozzio, Masini; Staiti, Cavagna (dal 28'st Belfasti), Pastore (dal 34'st Luche); Osuji, Zamparo, Bardeggia (dal 26'st Ponsat). A disp.: Belfasti, Cozzari, Broso, Cozzolino, Zaccariello, Piccinini. All.: Mauro Antonioli.
Arbitro: Davide Di Marco di Ciampino, coadiuvato da Francesco Collo di Oristano e Giorgio Ravera di Lodi. 
NOTE - Ammonti Rozzio, Masini, Zamparo (R), Perna, Boscolo Papo (M); angoli: 8-3; minuti di recupero 1+6. Spettatori: 12427 (6648 paganti) per un incasso di 87407,5 €.

Commenti

Le pagelle di Modena-Reggio Audace: si salvano Spanò e Staiti. Bocciato il centrocampo
Sorpresa al "Braglia", Romano annuncia le dimissioni dalla carica di vicepresidente