Primo Piano

Poker alla FeralpiSalò, è un esordio da sballo per la Reggiana

Staiti e Varone mandano avanti i granata nel primo tempo, Varone cala il tris a inizio ripresa. Giani riapre la partita, Lunetta chiude in contropiede al 94'

Lorenzo Chierici
24.08.2019 23:00

Tanti applausi per i granata "total white"

Chi ben comincia è a metà dell'opera. Sarà una frase fatta e certamente la Reggiana non è a metà dell'opera, ma iniziare vincendo nettamente tra le mura amiche, con una prova convincente, non può che giovare alla famiglia granata. A dare il benvenuto alla rinnovata Reggiana è stata prima di tutto la Curva Sud, con uno striscione "Bentornata", a conferma dell'entusiasmo che si sta creando attorno a questa squadra dopo il ripescaggio in Serie C e la riassegnazione del marchio e della storia granata.

La Reggiana scende in campo confermando un  3-4-1-2 con Voltolini in porta, mentre Narduzzo, non al meglio, rimane in panchina, poi i tre dietro, con Spanò, Rozzio e Espeche nel ruolo di terzo marcatore dietro, sul centro sinistra. Sugli esterni giocano Libutti a destra e Favale a sinistra, mentre Varone e il regista Rossi giostrano nella zona nevralgica del campo. Dietro alle punte mister Alvini schiera Lorenzo Staiti, veterano di questa squadra, nonché ex di turno, davanti al quale giocano Marchi e Scappini.

PRIMO TEMPO. La Reggiana parte forte con un traversone di Staiti, ex di turno, che costringe De Lucia a bloccare la sfera. Dopo 5' un ispiratissimo Staiti, che forse sentiva la partita in modo particolare, schierato nel ruolo di trequartista puro dietro a Scappini e a Marchi, realizza il gol che apre le danze: cross da destra, respinta di testa di Rinaldi e missile terra-aria di Staiti che si infila sotto l'incrocio dei pali alla sinistra del portiere ospite. La FeralpiSalò cerca subito di reagire e dopo 9' Guidetti cerca la porta, ma Voltolini è attento e sventa la minaccia, deviando la sfera in corner. La Reggiana risponde per le rime al 18' con una conclusione a lato di Scappini, oggi tra i migliori in assoluto, che non ha fortuna. Al 25' la Reggio Audace raddoppia: Staiti cerca di nuovo il gol dalla distanza, De Lucia respinge alla sua destra, Varone si avventa sul pallone, lo recupera, poi lo riscodella in mezzo dove Scappini salta più in alto di tutti e mette il pallone in fondo al sacco, dalla parte opposta, a fil di palo, dove il portiere non può arrivare. Al 32' la FeralpiSalò sfiora il gol che avrebbe potuto riaprire la partita: Rinaldi conclude da fuori, su corner, ma Scappini, sulla linea di porta, colpisce la palla di testa, mandandola sulla traversa, prima che la stessa rientri in campo. Pochi istanti dopo Ceccarelli salta Rozzio, punta Spanò che non interviene subito, poi conclude a rete, ma il tiro finisce fuori. La Reggiana è viva e parte in contropiede con Marchi a destra, che scarica per Varone che viene anticipato al momento del tiro. Poco prima dell'intervallo ci prova ancora Varone che non trova la porta, risponde Caracciolo, ma Voltolini è attento e sventa la minaccia. Il numero nove ospite ritenta poco dopo, Voltolini chiude d'istinto in uscita.

SECONDO TEMPO. Nel secondo tempo la Reggiana cambia leggermente atteggiamento tattico e arretra un po' il raggio d'azione di Staiti, passando a un 3-5-2 risultando più coperta a centrocampo, ma anche più pronta a penetrare la "burrosa" difesa della Feralpi. Dopo 4' ancora l'incontenibile "iena" scarica un potente tiro verso De Lucia che il portiere respinge. Al 16' la Reggiana segna il terzo gol: Staiti è bravissimo a superare un avversario con un palleggio a centrocampo, poi si invola verso l'area avversaria, si accentra e subisce un fallo al limite; della punizione si incarica Ivan Varone: il suo tiro è teso è praticamente centrale, ma inganna il portiere avversario che battezza male la traiettoria avendo probabilmente messo male la barriera e viene trafitto: 3-0. La Reggio Audace a questo punto sa di avere il risultato acquisito e si fa trovare disattenta su un calcio d'angolo, tant'è che al 17' subisce l'inzuccata vincente di Giani. Mister Alvini fa alcuni cambi e la squadra va di nuovo vicina al gol con una punizione di Rodriguez e con un guizzo dello stesso trequartista cubano appena entrato in campo, rimpallato in corner. Poi ancora Zanini per due volte e di nuovo Rodriguez in corner e infine, in contropiede il neoentrato Lunetta chiude la partita con un gol da centravanti navigato, trafiggendo con freddezza, di sinistro, sul primo palo, il portiere locale: 4-1. Insomma, la Reggiana c'è ed è prima in classifica in Serie C, anche se dopo una sola giornata: chissà che a questa posizione, con questa squadra magistralmente costruita da Doriano Tosi, i granata possano gravitare in quella zona fino alla fine. Sognare è lecito e soprattutto sognare aiuta a vivere meglio.


La diretta

Le pagelle

Le interviste:


Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

REGGIO AUDACE-FERALPISALÒ 4-1
Marcatori: 5' pt Staiti (R), 26' pt Scappini (R), 16' st Varone (R), 26' st Giani (F), 49' st Lunetta (R).
REGGIO AUDACE (3-4-1-2): Voltolini; Spanò, Rozzio, Espeche; Libutti (dal 27'st Kirwan), Varone, Rossi (dal 40'st Radrezza), Favale; Staiti (dal 27'st Zanini); Marchi (dal 40'st Lunetta), Scappini (dal 17'st Rodriguez). A disposizione: Narduzzo, Martinelli, Santovito, Haruna, Sanat. Allenatore: Massimiliano Alvini.
FERALPISALÒ (3-5-2): De Lucia; Legati, Rinaldi, Giani; Zambelli (dal 1'st Maiorino), Guidetti, Carraro, Pesce (dal 1'st Stanco), Contessa (dal 16'st Mordini); Caracciolo, Ceccarelli. A disposizione: Liverani, Travaglini, Altare, Bertoli, Hergheligiu, Miceli. Allenatore: Damiano Zenoni.
Arbitro: Monaldi di Macerata, coadiuvato da Lencioni di Lucca e Testi di Livorno.
NOTE - Spettatori 4291 (3893 quota abbonati + 398 paganti), incasso totale 21.582 euro lordi (16.800 euro da quota abbonati + 4.782 euro da paganti); ammoniti Rozzio (R), Legati (F), Kirwan (R), Rodriguez (R); calci d'angolo: 4-5 (2-3).

Commenti

I risultati e la classifica della 1ª giornata: esordio senza reti per il Modena, squilli esterni di Padova, Samb e Südtirol
Alvini resta umile anche dopo i quattro gol: «Prestazione buona ma non esaltiamoci. Ci aspetta un campionato difficile»