Primo Piano

Granata fortunati al "Cabassi", un'autorete riacciuffa il San Marino nel finale

Sotto nel primo tempo, la Reggio Audace rischia la beffa in contropiede e nel recupero sfiora soltanto il gol dei tre punti

Lorenzo Chierici
23.09.2018 17:15

Nella 2ª giornata di campionato la Reggiana non gioca, soffre, si rialza nella ripresa e pareggia grazie ad una sfortunata autorete, ma non fa mai nulla di davvero pericoloso per vincere una gara che, a metà del secondo tempo, rischia addirittura di perdere. Così non va purtroppo e per mister Antonioli i problemi aumentano.

PRIMO TEMPO
I granata iniziano la prima frazione di gioco con un discreto possesso palla senza però produrre alcuna azione da rete. E’ infatti il San Marino a farsi pericoloso al 7’ con una conclusione di Gasperi che termina a lato della porta difesa da Narduzzo. Il primo tiro, ma non nello specchio, da parte dei granata, oggi in campo con la nuova maglia, arriva dopo 10’ di gioco con Bran, che non inquadra però la porta, mentre un minuto dopo ci prova Ponsat, ma trova l’attento intervento del portiere Pozzi che blocca a terra. La Regia insiste e arriva alla conclusione con Boldrini ma la difesa avversaria rimpalla il tiro e la sfera. Nel prosieguo dell’azione Belfasti affonda a sinistra da dove mette in mezzo sul primo palo, ma Rozzio non arriva sul pallone che viene bloccato da Pozzi. La Reggiana è timida e ci prova con una conclusione da lontano di Zaccariello, senza velleità, poi al 21’ passa il San Marino: contropiede dei locali con Vassallo che avanza palla al piede, mentre Rozzio arretra e gli concede spazio, forse troppo, Bran rientra sul giocatore, che a sua volta, con un bel dribbling, si mette la palla sul destro e calcia subito, evitano l’intervento del terzino in fase di ripiego; la sfera è calciata magistralmente e si infila alla sinistra dell’immobile Narduzzo, tagliato completamente fuori dalla perfetta traiettoria del pallone. I granata cercano di reagire, ma Ponsat, in piena area, si trova due volte al tiro, entrambi rimpallati, anche se c’era libero a pochi passi un compagno meglio posizionato. Al 37’ ancora i granata con un colpo di testa di Rozzio che manda a lato, su corner da destra. Il primo vero tiro nello specchio della Reggiana arriva al 38’ quando Belfasti tocca il pallone a Boldrini, su calcio di punizione; la staffilata dell’attaccante viene però deviata dal portiere Pozzi in tuffo sulla destra, poi la palla arriva a Zamparo che cerca una splendida sforbiciata che termina a lato. Ancora la Regia al 41’ con Boldrini che riceve da Ponsat, stata il diretto marcatore, entra in area piccola e con la punta del piede cerca il tocco, ma non trova la porta.


SECONDO TEMPO
La Reggiana torna in campo con un piglio diverso, decisa a recuperare il risultato. La partita però non decolla, inizia la girandola delle sostituzioni senza che il risultato cambi e al 18’ della ripresa, per poter inserire un altro “over”, quindi un fuorquota a centrocampo, mister Antonioli ha tolto il portiere Narduzzo, inserendo Rossi, mettendo però dentro anche Osuji per rinforzare il centrocampo. La Reggiana insiste e produce un bel traversone dalla trequarti del solito Belfasti, per la testa del nuovo acquisto Zamparo, che spedisce la sfera fuori di poco, sfiorando il pareggio. I granata caricano le pile e arrivano al tiro con Ponsat, che non trova la porta. Al 29’ ancora la Regia in avanti con un cross per l’inzuccata del neo entrato Broso che non trova la porta. La Reggiana prova a giocare, ma la sua azione risulta sterile, priva di cattiveris e anche di fantasia e al massimo conquista qualche calcio d’angolo, ma al 30’ arriva un pareggio tanto voluto, quanto forse inatteso, almeno in quel momento: il cross arriva dal solito Belfasti, che si sta rivelando un punto di forza di questa squadra, sul quale si avventa il bomber Vassallo che, questa volta centra la propria porta, trafiggendo l'incolpevole Pozzi. A questo punto la Reggiana vuole cercare di vincere la gara e al 33’ arriva al tiro con l’esperto Staiti, ma il portiere Pozzi è attento e sventa in due tempi; poi ci prova anche Boldrini che impegna ancora l’estremo sammarinese, per poi ritentare la via della rete, qualche istante dopo, trovando però il corpo di un giocatore avversario. Il San Marino non ci sta e ribatte colpo su colpo con un contropiede micidiale di Vassallo che, sfruttando una scivolata involontaria di Cigagna, a porta sguarnita, manda il pallone sul fondo, sbagliando la più facile delle occasioni. La Regia cerca di essere “Audace” e conclude a rete con Staiti senza fortuna e nel finale Zamparo che si vede il tiro ribattuto. La Reggiana non ce la fa, ma vista come si era messa la partita, alla fine, il pareggio è giusto.


La diretta scritta

Le pagelle

Le interviste:


Risultati e classifica 2ª giornata

Vota il migliore granata in campo


Il tabellino

REGGIO AUDACE - SAN MARINO 1-1 (0-1)
Marcatori: 21' pt Vassallo, 32' st Vassallo (aut).
REGGIO AUDACE: Narduzzo (17' st Rossi), Bran (27' st Masini), Cigagna, Rozzio, Belfasti, Staiti, Zaccariello (35' st Pastore), Crema (17' st Osuji), Boldrini, Zamparo, Ponsat (24' st Broso). A disp.: Palmiero, Grassi, Cavagna, Bardeggia. All.: Mauro Antonioli.
SAN MARINO: Pozzi, Mingucci, Marconi (9' st Tamagnini), Gasperi, Mazzotti, Cevoli, Cannoni, Salcuni (40' st Gasperoni), Vassallo, Pasquini (34' st Evaristi ), Gavoci (22' st Zeqiri). A disp.: Benedettini, D'Addario, Grandoni, Rrasa, Pellini. All.: Christian Jidayi.
Arbitro: Emanuele Bracaccini di Macerata (Panic-Valeri)
Note: Ammoniti: Cigagna, Zamparo, Evaristi. Spettatori: 2098. Recupero: 0' e 5'.

Commenti

Girone D, i risultati della 2ª giornata: il Modena vince nel recupero, Fiorenzuola a punteggio pieno
Zamparo e Boldrini, debutto senza lasciare il segno: «Siamo mancati in zona gol come a Crema»