L'avversario

L'avversario - Imolese, squadra rinnovata per stupire ancora

Orfani del bomber Lanini, i rossoblù ritrovano i granata dopo 76 anni. Calcio d’inizio domenica alle ore 17.30

Tommaso Casotti
06.09.2019 14:00

Una delle più belle sorprese dello scorso campionato di Serie C (terzo posto nel girone e eliminata solo in semifinale playoff), l'Imolese quest'anno si è profondamente rinnovata e punta ad una tranquilla salvezza con un occhio verso le posizioni playoff. «Abbiamo rifatto la squadra rispettando i nostri parametri economici - ha commentato il ds Filippo Ghinassi ai microfoni del Corriere Romagna - Siamo ripartiti con 5 calciatori della scorsa stagione il giorno del raduno. Dobbiamo ringraziare la proprietà (il presidente è Lorenzo Spagnoli, ndr), l'Imolese è una società seria che ha fatto della puntualità nei pagamenti una bandiera: vogliamo continuare su questa strada e per fare ciò è fondamentale rispettare i nostri parametri economici nel mercato calciatori».

La panchina è stata affidata a Federico Coppitelli, ex tecnico della Primavera del Torino negli ultimi tre anni, dopo l'addio di Alessio Dionisi salito in B al Venezia. Nelle prime due giornate i rossoblù hanno raccolto un punto, frutto della sconfitta all'esordio con il Rimini e del pareggio casalingo con l'Arzignano. Il 4-3-1-2 visto in campo potrebbe subìre delle modifiche anche in virtù dei nuovi ultimi acquisti, l'esperto Francesco Bolzoni a centrocampo (in prestito dal Bari) e il veloce attaccante ghanese Bismark Ngissah, di proprietà del Chievo. In porta è stato confermato l'ex Bassano Gian Maria Rossi, così come i due centrali CariniChecchi e il numero 10 Belcastro; dalla Primavera della Roma vengono il terzino Valeau e il mediano Marcucci (entrambi classe '99), da quella dell'Inter il promettente difensore Della Giovanna. L'albanese Isnik Alimi a 25 anni ha già diversi campionati di Serie C alle spalle, il connazionale Vuthaj punta a rilanciarsi dopo due ottime stagioni in D (16 reti lo scorso anno a Campodarsego); in attacco non mancano le opzioni, con Maniero nel ruolo di trequartista e Padovan e l'ivoriano Latte Lath che scalpitano per formare la coppia offensiva.

PRECEDENTI. Per risalire all'ultimo incontro fra Reggiana e Imolese bisogna tornare indietro alla stagione di Serie C 1942/1943, con una vittoria per parte fra andata (2-1 per i rossoblu) e ritorno (4-1 per la Reggiana). Altri due precedenti si registrano nell'annata 1934/1935, con un rotondo successo granata (4-0) e un pareggio per 1-1.

Commenti

Amadei apre le porte a Carmelo Salerno per un ruolo societario nella Reggiana
Giovedì 12 settembre la Reggio Audace farà visita alla sede di Immergas