Primo Piano

Antonioli: «Oggi bravi tutti ma dobbiamo restare concentrati, il campionato è ancora lontano dal suo epilogo»

«Partita vinta meritatamente con la mentalità giusta, ci poteva anche stare il terzo gol di Spanò»

Mauro Falduto
17.03.2019 17:30

La tensione del finale di gara è ancora palpabile, ma dalle parole di Mauro Antonioli traspira tanta soddisfazione per tre punti sofferti ma importantissimi strappati in casa del Mezzolara a Budrio.


Mister, è soddisfatto del risultato?
«Oggi abbiamo giocato in un campo non facile e abbiamo vinto meritatamente. Ci siamo un po' complicati la vita con un gol preso che potevamo evitare e con diversi nostre occasioni che non ci hanno permesso di chiudere la partita. Nonostante tutto, l'importante erano i tre punti. Ora dobbiamo continuare su questa strada e vedere anche cosa fanno le altre squadre».

Perché sul 2-0 la Reggiana ha perso il controllo della partita e ha preso gol?
«Perché ci sono anche gli avversari, che sono stati bravi ad approfittare di un nostro errore. Ma non dimentichiamoci che a parte i due gol, noi abbiamo avuto tante altre occasioni davanti al loro portiere, per esempio con Dammacco e Bardeggia. Perciò ripeto, partita vinta meritatamente».

Verso la fine del secondo tempo ha cambiato il volto all'attacco. Ha voluto risparmiare un po' di energie?
«Sì, Dammacco era un po' stanco e affaticato e l'ho sostituito con Pastore, anche lui appena rientrato da un infortunio. Stessa cosa per Bardeggia che ho sostituito con Rizzi che si è riaggregato con noi da poco tempo per cercare di tenere su la palla».

Ora la cosa più importante è mantenere una certa continuità...
«Sì, devo dire che rimpiango ancora i pareggi ottenuti dopo la sconfitta con la Pergolettese. Erano partite da vincere. E' un peccato perché con quei punti saremmo stati in piena lotta. Comunque non molliamo anche perché oggi abbiamo visto che può ancora succedere di tutto. E non dimentichiamoci che ci saranno ancora alcuni scontri diretti da giocare. Il campionato non è ancora finito».

La Reggiana ha ritrovato alcuni giocatori importanti?
«Mi auguro che il periodo critico sia passato. Con la sosta siamo tornati ad allenarci in maniera continua. Oggi la squadra stava bene e si è visto. Speriamo ora di andare in discesa verso la fine del campionato».

Oggi ha ripreso parecchie volte Alex Bran. Come valuta la sua prestazione?
«Alex è un ragazzo giovane ed era tanto che non giocava, soprattutto in quella posizione. Pian piano deve ritrovare il ritmo partita. Direi che oggi ha fatto bene. Ovvio che un po' di emozione ci può stare dopo tanto tempo che non giochi. Ma lui ha risposto presente e questa è la cosa più importante».

Come ha visto invece Spanò?
«Ottima prestazione la sua. Teniamo conto che il ragazzo non è al top ma anche oggi si è rivelato una garanzia. Oltre a lui, bravi comunque tutti perché hanno concesso poco al Mezzolara».

Come le è sembrata la direzione di gara in un campo non facile come questo?
«L'arbitro ha fatto bene, anche se mi piacerebbe rivedere il gol annullato a Spanò. Non era chiaro se fosse fuorigioco o no ma in ogni caso, oggi abbiamo giocato in un campo da battaglia, dove è stato difficile impostare il gioco da dietro: ci abbiamo provato una volta e abbiamo subìto gol. Detto questo, complimenti ai miei ragazzi che si sono calati nella mentalità giusta».

Domenica prossima come affronterete il Sasso Marconi?
«Sono tutte partite difficili. Lo abbiamo visto anche nell'ultima partita con la Calvina. Dobbiamo restare concentrati. Spero che questa vittoria di oggi abbia portato entusiasmo a noi e ai nostri tifosi».


Vota il migliore granata in campo di Mezzolara-Reggio Audace

Commenti

Girone D, i risultati della 27ª giornata. Tonfo a sorpresa del Modena
Cavagna, prima rete in granata: «A forza di prendere botte siamo cresciuti psicologicamente»