L'avversario

Modena, la festa dopo il derby dominato: «Ci sentivamo in debito con i tifosi»

Sansovini: «Vittoria meritata». Ferrario: «Una rivincita per noi e per la nostra gente». Berni: «Bello ed emozionante vincere il derby da reggiano»

Mauro Falduto
26.05.2019 22:30

L'esultanza di Sansovini nel derby © Modena FC

Clima di feste nella sala stampa del "Braglia" dopo l'importante vittoria sui rivali granata per i giocatori del Modena.

«Ho cercato di impattare bene la palla cercando l'angolo più lontano ed è andata bene - spiega l'attaccante classe '80 Marco Sansovini, descrivendo la rete del 2-0 che ha tagliato le gambe alla Reggio Audace - Sono conento di aver contibuito a questa grande vittoria. Ci aspettavamo un pressing molto alto da parte della Reggiana e sapevamo che avrebbe cercato molto Zamparo, soprattutto sulle palle inattive. Però abbiamo gestito bene il controllo del gioco e pian piano siamo venuti fuori, cercando il gol e centrando questa vittoria che direi più che meritata».

«Ci sentivamo in debito con i tifosi e volevamo a portare a casa questa finale - le parole del capitano Armando PernaAbbiamo dimostrato di essere maturi e abbiamo trovato le occasioni giuste per vincere. Con la Reggiana dovevamo stare attenti a non concedere troppo ma siamo stati bravi a sfruttare le opportunità che ci sono capitate. Anche i granata hanno avuto diverse opportunità, ma tutto sommato nei 90 minuti credo che il Modena abbia meritato questo successo». «Abbiamo dimostrato di saper reagire dopo quanto successo a Novara con la Pergolettese - spiega il bomber Carlo FerrarioL'abbiamo fatto per noi ma sopratutto per la nostra gente. Oggi oltre tutto con il derby l'importanza di vincere era doppia. Siamo orgogliosi di aver portato a casa questa vittoria».

In chiusura le parole dell'ex granata Stefano Berni: «Sono di Reggio Emilia e vengo dalle giovanili della Reggiana. Per me è stata una grandissima emozione poter giocare oggi questo derby e vincerlo».

Commenti

Staiti, gli infortuni hanno condizionato la finale: «Non sono arrivato nella forma migliore»
Zamparo: «Sono esausto, oggi ho dato tutto»