L'avversario

L'avversario - Vigor Carpaneto, i playoff non sono più un miraggio

Mister Rossini può contare sull'esperienza di Mauri e Rantier e sulla freschezza del 18enne Carrozza

Redazione TuttoReggiana
02.11.2018 19:30

La formazione biancazzurra uscita a testa alta dal "Braglia" di Modena © Vigor Carpaneto 1922

La Vigor Carpaneto, società piacentina fondata nel lontano 1922, domenica sarà ospite della Reggio Audace al "Città del Tricolore" per una sfida inedita dal sapore d'alta classifica visto che i biancazzurri al momento hanno un punto in più dei granata, a -7 dalla capolista Modena.

L’allenatore Stefano Rossini, 18 presenze con la maglia della Reggiana nella stagione 2006/07 in C2, ha ereditato la panchina della Vigor un anno fa riuscendo a conquistare una prima storica salvezza in Serie D dopo tanti anni di calcio minore e in questa stagione l'obiettivo potrebbe essere anche più ambizioso visto l'ottimo inizio di campionato dove la sua squadra ha conquistati 6 risultati utili consecutivi dopo il k.o. all'esordio col Modena (3 pareggi e 3 vittorie, l'ultima domenica scorsa per 3-0 contro il Mezzolara). «Il nostro obiettivo dev'essere quello di migliorarci settimanalmente - ha spiegato Rossini alla Gazzetta di Reggio - Tutto quel che viene è buono, stiamo attraversando un buon momento e a Modena non meritavamo di perdere, ma so anche che verranno tempi più difficili».

La Vigor Carpaneto è solita schierarsi con un 4-3-3 propositivo dove a fare la differenza in attacco è il francese classe '83 Julien Rantier, già a quota 4 gol, mentre si sta mettendo in mostra il 18enne Carrozza (3 reti, le ultime due domenica scorsa al Mezzolara). Faro del centrocampo è il 30enne Stefano Mauri, solitamente affiancato da Mastrototaro e Rossi ('99). Difesa giovane con i '98 Rossini e Abelli sulle fasce, Fogliazza e Baschirotto al centro; in porta gioca Vagge ('96), mentre l'ex Berretti granata Errera ('99) siede in panchina.

Commenti

News da campi - Si ferma Ponsat, Pastore vicino al rientro
Spanò: «La Reggiana c'è e non si arrende, allontaneremo le critiche sul campo»