Primo Piano

Il dg Russo: «L'accordo per la sede e i campi di via Agosti deve essere ancora trovato»

Nei prossimi giorni l'incontro con Mapei per la questione stadio: una volta trovata l'intesa potrà partire la campagna abbonamenti

Redazione TuttoReggiana
12.08.2018 14:30

L'avventura in Serie D della nuova Reggiana è ai nastri di partenza, restano però da sistemare ancora tanti dettagli importanti come l'ubicazione della sede (ora si trova presso l'ufficio del commercialista Baldini in via Emilia), dei campi di allenamento e va trovato un accordo per l'utilizzo del "Città del Tricolore". 

«Per i campi di via Agosti e la sede di via Mogadiscio la situazione non si sblocca - spiega il direttore generale Rocco Russo alla Gazzetta di Reggio - C'è un contratto in essere con AC Reggiana 1919 che rappresenta un ostacolo». La disponibilità ad utilizzare il piano terra della sede e i campi è stata data dai Piazza, «ma ci devono essere ulteriori passi avanti perché non è possibile la coabitazione e il subaffitto degli impianti». «Lo stadio? Prossimamente avremo un incontro con Mapei per definire i costi dell'affitto e le spese da sostenere durante la stagione», spiega Russo.

Intanto Alicia Piazza nella notte da Miami ha postato una nuova foto su Instagram con riferimenti diretti a "falsi amici" e "falsi partner" a suo dire responsabili del tragico epilogo della Reggiana, ma se vorrà davvero dare una mano al nuovo sodalizio granata dovrà fare un passo indietro e recedere dall'accordo stipulato da una Asd collegata ad AC Reggiana con la Diocesi per l'affitto dei campi. Che fine farà AC Reggiana 1919? Barbara Morini è la la liquidatrice nominata dai coniugi americani: avrà il compito di contattare i tanti creditori del club per trovare un accordo di transazione col fine di arrivare poi alla chiusura della società, ma non è escluso che tale procedura possa interrompersi se qualcuno di loro presenterà un'istanza di fallimento al Tribunale.

Commenti

Capodaglio può liberarsi e diventare il leader del centrocampo
Enrico Ligabue nuovo responsabile sanitario