Primo Piano

Antonioli: «Quella con il Fanfulla non è una partita inutile. Dobbiamo giocare per vincere senza chiuderci in difesa»

«Non ho ancora scelto la formazione titolare, devo essere bravo a gestire al meglio le varie situazioni»

Redazione TuttoReggiana
18.05.2019 16:30

«Qualche giocatore è stato recuperato ma non è facile scegliere, devo essere bravo e fortunato a indovinare e gestire al meglio le varie situazioni - ha spiegato Mauro Antonioli nella conferenza stampa di avvicinamento al primo round playoff contro il Fanfulla, match che vede favorita la Reggio Audace con due risultati su tre a disposizione - Staiti e Muro sono recuperati, Spanò si allena con noi da tre giorni e Rozzio lo vedo molto meglio. Cozzari è a disposizione mentre Masini e Casanova non sono al top».

Mister, in difesa ha le idee chiare?
«Onestamente non ho ancora scelto. La tentazione di far giocare solo i giovani c'è ma potrebbe essere un rischio perché qualche errore può sempre capitare ma allo stesso tempo partire con un "over" potrebbe portare ad un cambio anticipato. Nel finale o negli eventuali supplementari un po' di esperienza serve sempre».

Sugli esterni invece restano i problemi...
«Casanova è l'unico mancino naturale ma purtroppo non è a pieno regime e lo stesso discorso vale per Masini fuori da diverso tempo. Non ci sono molte alternative, probabilmente assisteremo a delle staffette in campo».

Il ballottaggio tra Sanat e Dammacco è ancora aperto?
«Sì, mentre davanti con Rizzi indisponibile Bardeggia diventa l'alternativa dalla panchina alla coppia Zamparo-Ponsat».

Cosa si aspetta dal Fanfulla?
«Conosciamo bene le loro caratteristiche e sappiamo che recuperano diversi giocatori in attacco. Quella bianconera è una squadra che fa tanti gol ma concede molto in difesa. Prenderemo spunto dall'ultimo scontro in campionato ma non li sottovaluteremo».

Pensate già alla finale?
«Assolutamente no. Mi sono raccomandato con i ragazzi di non commettere l'errore di sottovalutare la partita, dobbiamo invece restare concentrati perché gli episodi possono risultare determinanti. Serviranno giocate semplici ed equilibrate, provando a vincere senza chiuderci in difesa».

Il Modena è favorito nell'altra semifinale?
«Ovviamente sì anche se la scorsa settimana ha preso una mazzata importante e in queste partite di fine stagione può succedere di tutto». 

È rimasto sorpreso dalla vittoria della Pergolettese nello spareggio?
«Non più di tanto. La Pergolettese ha sempre avuto qualità tecniche importanti e una mentalità da categoria superiore rispetto alla nostra, credo quindi che alla fine sia salita in Serie C la squadra che lo meritava di più».

La società ha speso con lei qualche parola per il futuro?
«Non ho parlato con nessuno, sono concentrato su questo finale di campionato importante per noi, per la società e la città. Vogliamo fare bene».

Tutto passa dal ripescaggio?
«Oramai lo sappiamo tutti, è stato dichiarato più volte poi io non vedo tutto questo pessimismo. Vincendo i playoff con tutti i problemi che ci sono nelle categorie superiori ci sarebbero buone possibilità di salire. Modena e Mantova sono forse in pole position, serve dunque un risultato importante sul campo per stare davanti a loro...».

Si corre però il rischio che questi playoff risultino inutili...
«Di inutile non c'è niente. È sempre bello giocare e incontrare le migliori squadre del campionato».

Commenti

Playoff Reggio Audace-Fanfulla: la prevendita chiude con oltre 2400 biglietti venduti
Ospiti d'eccezione sui palchi del "Città del Tricolore" per il primo turno playoff