Primo Piano

Che fatica con il Südtirol! Cesarini su rigore regala i tre punti alla Reggiana

Il gran gol di Altinier vanificato da un errore di Crocchianti, al 94' il "Mago" toglie le castagne dal fuoco ai granata

Lorenzo Chierici
02.04.2018 17:10

La fantasia al potere: l'asse Rocco-Cesarini, negli ultimi minuti, risolve una situazione che sembrava impossibile. Reggiana e Südtirol avevano pareggiato, non c'era dubbio e il risultato era sacrosanto: primo tempo buono della Regia, ripresa degli altoatesini, poi il neo entrato si inventa una gran palla per Cesarini che prende un rigore sacrosanto e lo trasforma con grande freddezza, portando a casa tre punti d'oro.

LE FORMAZIONI. La Reggiana torna sul terreno del "Città del Tricolore" confermando il classico 4-3-3 e tra i pali Davide Facchin, malgrado il desiderio di rivedere titolare Davide Narduzzo fosse piuttosto forte da parte di molti tifosi e non solo. Davanti al portiere granata la triade schiera Lombardo a destra, al posto dello squalificato Ghiringhelli, Panizzi a sinistra, con Spanò e Crocchianti al centro della retroguardia. Nella zona nevralgica, davanti alla difesa viene confermato Genevier, che ha ritrovato un buon passo, con Riverola sul centro sinistra e Vignali, di nuovo titolare, sul centro destra al posto di Carlini, anch'egli squalificato. Là davanti Altinier al centro dell'attacco, col ritrovato Cesarini sull'out mancino e Cattaneo, mancino puro, su quello destro. L'ex capitano e vice allenatore granata Paolo Zanetti, trainer del Südtirol oppone invece ai granata un 3-5-2 con l'ex portiere granata Offredi fra i pali Erlic, Sgarbi e Visetto nella linea difensiva, con Berardocco davanti alla retroguardia nel ruolo di playmaker, affiancato da Broh sul centro destra e da Cia sul centro sinistra. Sugli esterni, a destra il rapido Tait, mentre a sinistra rivediamo Paolo Frascatore, ex terzino sinistro della Reggiana. In attacco il duo Costantino-Gyasi.

PRIMO TEMPO. La formazione granata cerca subito di imporre il proprio gioco e al 12' prova a impensierire l'ex Daniel Offredi con un colpo di testa di Vignali che termina di poco a lato. Risponde per le rime il Südtirol con una conclusione da fuori area di Gyasi che, dopo un bel gioco di gambe, trova il tempo per battere a rete, ma Facchin è attento e blocca a terra il pallone. Al 29' i granata passano: Cattaneo prende palla e vede in profondità Altinier che riceve la sfera, la difende, poi cerca e trova una spaccata vincente con la quale tocca il pallone quanto basta per infilare la porta di Offredi. Per l'attaccante granata, che ha vissuto un inizio davvero da dimenticare, si tratta del decimo gol stagionale, un bottino davvero importante per un giocatore che, ad inizio anno, sembrava fosse venuto a Reggio solo per svernare trovandosi sulla via del tramonto. 

SECONDO TEMPO. Se nella prima frazione di gioco è stata la Reggiana a fare la partita, con il Südtirol che non ha praticamente mai impensierito né Facchin né tantomeno la retroguardia granata, nella ripresa è proprio la squadra di Paolo Zanetti e gestire la partita, tant'è che dopo solo quattro minuti, gli altoatesini agguantano il pareggio complice una serie di disattenzioni a catena da parte della retroguardia granata. Siamo appunto al minuto 49 quando Crocchianti perde il pallone sull'attacco di Cia che, a sua volta vede la corsa a centro area di Gyasi che, di prima intenzione, di piatto, trafigge Facchin sul primo palo, alla sua sinistra, malgrado il tentativo di recupero tardivo sul giocatore da parte di Riverola. Nella stessa azione del gol si infortuna gravemente Spanò, che resta a terra e viene soccorso dai sanitari granata, per poi essere sostituito da Paolo Rozzio, al rientro dopo diversi mesi di assenza a causa di un grave infortunio e di varie ricadute. Il Südtirol attacca e lo scatenato Gyasi va di nuovo vicino al gol con un tentativo che viene stroncato da Crocchianti a pochi passi dalla porta. Zanetti sa che può fare male alla Reggiana e toglie Frascatore per inserire un altro ex terzino sinistro granata, Zanchi, senza però ottenere il risultato sperato. Eberini cambia modulo e passa al 4-3-1-2 con Bovo e Genevier davanti alla difesa, accentrando Cesarini dietro alle punte, con Rosso, Altinier e il giovane Rocco davanti, ma di grosse occasioni non ne arrivano, ad eccezione di un colpo di testa a lato di Crocchianti sul secondo corner battuto dai granata in tutto l'arco della gara. Al quarto minuto di recupero Rocco prende palla sulla trequarti, si accentra e dà uno splendido filtrante verticale per Cesarini che taglia bene da destra a sinistra e inganna Elric che tocca il piede sinistro durante la torsione del "Mago" e lo atterra: il rigore è netto. Sul dischetto si porta lo stesso Alessandro Cesarini che calcia a fil di palo, di destro, dove il portiere Offredi, che intuisce la traiettoria, non può assolutamente arrivare. Il "Città del Tricolore" esulta: la Reggiana, pur senza fare sfracelli, porta a casa un risultato importantissimo che vale il terzo posto in classifica, ma... per la B serve qualcosa in più.

La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:

 

Vota il migliore granata in campo!


Il tabellino

REGGIANA-SÜDTIROL 2-1
Marcatori: al 29'pt Altinier (R), al 4'st Gyasi (S), al 49' st rig. Cesarini (R).
REGGIANA (4-3-3): Facchin; Lombardo, Spanò (dal 6'st Rozzio), Crocchianti, Panizzi (dal 39'st Manfrin); Vignali (dal 28'st Bovo) Genevier, Riverola (dal 39'st Rocco); Cattaneo (dal 28'st Rosso), Altinier, Cesarini. A disp.: Viola, Narduzzo, Zaccariello, Bobb, Cianci, Bastrini. All.: Eberini.
SÜDTIROL (3-5-2): Offredi, Elric, Sgarbi, Vinetot, Tait, Broh, Berardocco (dal 43'st Bertoni), Cia (dal 32'st Smith), Frascatore (dal 18'st Zanchi), Costantino, Gyasi (dal 32'st Candellone). A disp.: D'Egidio, Zanchi, Cess, Boccalari, Oneto, Gatto, Flores, Bernardi, Candellone, Roma. All.: Paolo Zanetti.
Arbitro: Sozza di Seregno.
Note: spettatori paganti 1507, oltre ai 4321 abbonati per un rispettivo incasso di 9449 euro di ingressi odierni e 17809 euro di introiti relativi al pacchetto abbonati; ammoniti Berardocco (S) al 19'pt, Rozzio (R) al 24'st, Sgarbi (S) al 27'st; minuti di recupero 0 + 5; calci d'angolo (1-2) 2-4.

Commenti

Mestre a tutto attacco per continuare a sognare i play off
Spanò, il ginocchio fa crac: rischia un lungo stop