Primo Piano

Antonioli: «Contro il Fiorenzuola non possiamo sbagliare, ai miei ragazzi chiedo rabbia e cattiveria»

«Accettiamo le critiche, ma dobbiamo subito dimostrare che non siamo la stessa Reggiana vista a Crema»

Gian Marco Regnani
02.02.2019 17:00

L'eco della sconfitta con la Pergolettese non è ancora del tutto svanito ma in casa Reggio Audace è arrivata l'ora di mettere da parte il brutto passo falso di Crema e concentrarsi sulla sfida casalinga che domani metterà di fronte ai granata di Mauro Antonioli l'agguerrito Fiorenzuola, sesta forza del campionato. 


Mister, in settimana ha fatto molto discutere la sua affermazione sul fatto che la Pergolettese avesse più fame della Reggiana...
«Forse è stata interpretata male, io intendevo che loro andavano più forte di noi. Può dare fastidio, ma il merito agli avversari in quel caso andava riconosciuto visto che ci avevano messo sotto per più di un’ora».

Le critiche piovute su su staff e giocatori vi hanno dato fastidio?
«Personalmente evito di leggere i social ma mi hanno riferito di qualche cosa detta sui ragazzi che spero faccia scattare in loro la voglia di riscatto per dimostrare sul campo che non siamo quelli di domenica scorsa».

Come si ricaricano le energie quando la classifica dice che ci sono 7 punti da recuperare dalla vetta?
«Bisogna avere rabbia e cattiveria, dimostrando che non siamo quelli di Crema. I ragazzi questa settimana si sono allenati bene, credo che domani vedremo la reazione in campo».

In che modo ha motivato i suoi ragazzi?
«Martedì alla ripresa degli allenamenti abbiamo fatto una chiacchierata nello spogliatoio, ma credo non ci fosse bisogno di pungolarli più di tanto. La delusione e la rabbia erano sul volto di tutti, ho visto una reazione importante durante gli allenamenti».

Novità dall’infermeria?
«Broso ha accusato un risentimento e non sarà della partita, Cozzolino è recuperato mentre Bran sta migliorando tanto che oggi si è allenato col gruppo».

Ha preparato delle sorprese nell’undici iniziale?
«In mente ho la formazione da schierare ma ho tenuto tutti sull’attenti mischiando un po’ le carte. Nelle ultime settimane giocavano quasi sempre gli stessi e ho notato che il livello in allenamento si era abbassato fra i titolari e le riserve, quindi li ho tenuti tutti sulla corda: dopo prestazioni come quella di Crema è giusto essere messi in discussione, anche chi gioca meno deve dimostrare qualcosa in più».

Cambierà di nuovo la difesa?
«Probabilmente torneremo a quattro ma non credo sia questo il problema. A Crema per esempio avevo scelto tre centrali in modo da raddoppiare sugli esterni, cambiando subito lo schema dopo il loro gol: ammetto che è stato un errore, così facendo ci siamo esposti alle ripartenze avversarie».

Palmiero come ha reagito dopo la sostituzione?
«Gli ho spiegato che è stato tolto non per demeriti suoi ma per un cambio tattico: giocare da terzino contro Morello non era il suo ruolo, in quel momento rischiavamo di affondare».

Domani vedremo il debutto di Casanova?
«Sia lui che Dammacco sono ancora un po' acerbi: non si può entrare nei meccanismi subit ed essere buttati allo sbaraglio nelle partite decisive e importanti. Sicuramente Casanova tornerà utile, ma in questo momento rinunciare a Belfasti sull’esterno non è facile...».

Cosa ci può dire sul Fiorenzuola?
«Quella rossonera è una buona squadra di categoria con tanti giocatori che si conoscono bene da anni. In rosa sono presenti tanti giovani e il fatto che abbiano battuto il Modena a domicilio significa che non devono essere sottovalutati, specialmente da chi nell’ultima gara casalinga ha faticato a battere il Classe».

Ora non sono più ammessi errori...
«Siamo consapevoli che tutte le partite sono fondamentali: domani col Fiorenzuola dovremo vincere e lo stesso dovrà accadere la prossima settimana a Lentigione. Dobbiamo continuare a guardare in casa nostra sperando che gli altri facciano dei passi falsi».

“Fatevene una ragione, non molleremo mai” recita uno striscione appeso dai tifosi in città…
«Questo deve essere lo spirito, sono d’accordissimo con il messaggio che lascia passare: i tifosi sono fantastici da questo punto di vista. Ci dispiace non essere riusciti a regalare loro delle soddisfazioni nelle partite importanti».

Capitolo mercato: è rimasto deluso dalla mancanza di innesti nelle ultime ore?
«Non mi aspettavo nulla di particolare. I ragazzi scelti fin qui hanno dimostrato di fare bene, andiamo avanti con loro».

Commenti

Lancetti sul mercato: «Ora la rosa è equilibrata in ogni reparto»
Le probabili formazioni di Reggio Audace-Fiorenzuola