Primo Piano

Cesarini ringrazia la famiglia granata e i tifosi: «Ora regalatemi la Serie B»

«Con tutto il vostro affetto tornerò presto a piangere di gioia per un gol liberatorio»

Redazione TuttoReggiana
27.05.2018 21:00

Il "Mago" con in braccio il primogenito Cristian

Alessandro Cesarini, tornato da poco a casa dopo l'intervento al perone a seguito del brutto infortunio rimediato mercoledì sera, affida ai social il suo ringraziamento per l'affetto ricevuto negli ultimi giorni e nelle prime ore di grande paura.

«Finalmente sono tornato a casa, l'operazione per la frattuta scomposta del perone e la lesione del legamento deltoideo è andata bene e ora posso riabbracciare il mio piccolino e mia moglie - si legge sul profilo Instagram del numero 10 granata - Voglio ringraziare i tanti amici, la mia famiglia e tutti quelli che in queste difficilissime ora mi hanno scritto migliaia di messaggi che mi hanno commosso e hanno confermato l'enorme affetto nei miei confronti. Un grazie allo staff granata, ai mister, la società e Mike in primis e a tutti i tifosi che sono venuti fin dentro l'ospedale a portarmi un saluto».

Con la memoria il "Mago" ritorna al momento più difficile passato mercoledì sera: «Ricordo il silenzio surreale dei primi istanti dopo il crac e poi l'applauso di tutto lo stadio che mi accompagnava mentre uscivo in barella tra le lacrime, le stesse che mi sono scese leggendo il post del mio fratellino Luca Ghiringhelli, il messaggio di Davidone (Facchin, ndr) e le pacche sulle spalle di tutti i miei compagni che sono venuti a trovarmi...».

Cesarini confida di ricevere un regalo speciale da parte dei suoi compagni di spogliatoio: «Faccio parte di un gruppo fantastico che ora spero mi possa regalare quel sogno che abbiamo inseguito insieme e che meritiamo e a cui io ora credo ancora di più. Questo affetto, unito alla voglia di ritornare con l'aiuto dell'amore della mia famiglia e della fede spero e credo che possa darmi la forza per tornare presto ad emozionarmi sul campo e a piangere di gioia per un gol liberatorio! Grazie a tutti e ora più che mai forza Regia».

 

Ciao a tutti!!!..finalmente sono tornato a casa dall’ospedale,l’operazione per la frattura scomposta del perone e la lesione del legamento deltoideo e’ andata bene e adesso posso finalmente riabbracciare il mio piccolino e mia moglie @eri_puccia e prendermi tutto il loro amore... e poi ringraziare i miei genitori e la mia famiglia x tutto quello che hanno fatto e fanno sempre per me...Questo post e’ anche per ringraziare tutte le tantissime persone che in queste difficilissime ore mi hanno scritto migliaia di messaggi alcuni davvero stupendi che mi hanno commosso e hanno confermato ancora una volta un’enorme affetto nei miei confronti,gli amici di sempre e tutti quelli che mi hanno chiamato e si sono interessati, lo staff e i Mister,la società e Mike in primis e i tifosi che sono venuti fin dentro all’ospedale a portarmi il saluto di tutto l’ambiente granata che mi ha fatto davvero tanto piacere,i dottori che mi hanno assistito e le persone della Reggiana che mi sono state vicine,penso a Ivan che ho stressato sempre in questi giorni e Masto che c’è sempre quando c’è bisogno... e poi...poi..molto spesso,visto che ora non ho molto da fare purtroppo ripenso a quel momento..al silenzio surreale dei primi istanti dopo il crac...e poi all’applauso...di tutto lo stadio...che mi accompagnava mentre io nella barella lasciavo il campo in lacrime, le stesse lacrime che mi sono scese rileggendo il post del mio fratellino @lucaghiri_24 subito dopo l’operazione xke quando l’amicizia e’ vera le parole escono dal cuore, il messaggio di Davidone e le pacche sulle spalle e la forza che hanno saputo darmi tutti i miei compagni che sono venuti a trovarmi e mi hanno scritto cose stupende...un gruppo fantastico che ora spero mi possa regalare quel sogno che abbiamo inseguito insieme e che meritiamo e a cui io ora credo ancora di più...questo affetto che avete saputo regalarmi,unito alla voglia di tornare anche questa volta,all’amore immenso di mia moglie e mio figlio e alla fede spero e credo che possa darmi la forza per tornare presto ad emozionarmi sul campo e a piangere ma questa volta di gioia magari per un gol liberatorio!!Grazie a tutti e ora più che mai forza Regia

Un post condiviso da Alessandro Cesarini (@alecesa_10) in data:

Commenti

Siena, mister Mignani: «Non vediamo l'ora di scendere in campo uniti e compatti per vincere»
Under 15, a Padova i titoli di coda della stagione