L'avversario

Padova, dal fallimento alla B in quattro anni

I patavini arrivano a Reggio per festeggiare lo storico ritorno nella serie cadetta

Francesco Villa
27.04.2018 19:00

I granata ospitano domenica al “Città del Tricolore” (calcio d'inizio alle 14.30) il Padova di mister Bisoli appena laureatosi campione del girone B grazie proprio alla sconfitta della Reggiana a Bergamo nel posticipo di lunedì scorso.

Doveva essere il match clou della stagione, lo spareggio per la promozione, gran finale di un testa a testa che si è protratto a distanza per un intero girone di ritorno ma, giunti al termine di un rocambolesco mese di aprile, il Padova ha strappato l’unico pass disponibile per la cadetteria condannando la Reggiana al terno al lotto dei playoff. Sono bastate un paio prestazioni deludenti (1 punto solo nelle ultime 3 partite) per ridimensionare le aspettative dei granata le cui speranze in poco tempo si sono trasformate in illusioni rimandando alla post season la lotta per la serie B. I patavini arrivano a Reggio reduci dai festeggiamenti che hanno colorato per giorni le piazze di Padova, coronamento di un percorso che ha visto rinascere la società veneta dopo il fallimento del 2014. Nella storia del sodalizio biancoscudato quello ottenuto in questa stagione è il secondo titolo di Serie C, conquistato grazie ad una rosa di nomi altisonanti, la scelta vincente dell’allenatore e un nuovo assetto societario lanciato ad inizio campionato. Come già preannunciato da Guidone alla stampa, i campioni in carica non faranno sconti e scenderanno in campo con molti dei titolari già al lavoro per l’anno prossimo. Pinzi, Sarno, lo “squalo” Capello ( 12 reti in campionato) e capitan Pulzetti sono solo alcuni dei protagonisti della splendida annata ma le vere e proprie sorprese della stagione vengono da Reggio Emilia : il già citato “Big Drive” Guidone, Contessa, e Trevisan. I tre ex ritornano a Reggio dopo essere stati punzecchiati dai tifosi sui social per aver partecipato a cori di scherno nei confronti dei rivali reggiani. Durante il campionato i due difensori hanno conquistato la maglia da titolare, mentre il numero 29 classe '86 si è alternato con attaccanti che hanno poco a che vedere con la serie C totalizzando addirittura 9 reti. Contessa si è riscattato dopo l’infelice parentesi in granata, per lui 2 reti e 4 assist. Trevisan, ritornato a Padova fra i dubbi dei tifosi patavini, ha fatto valere le sue doti da leader nello spogliatoio diventando vice capitano. Guidone, scambiato la scorsa estate con il “Duca” Altinier, ha conquistato la piazza biancoscudata piano piano a suon di gol come quello del match point a Vicenza che è valso 3 punti e le doppiette contro Mestre e Renate all’Euganeo.

Quanto alla Reggiana, sfumato l’obiettivo primo posto non resta che proseguire la caccia alla seconda piazza, occupata dalla Sambenedettese, avanti di una sola lunghezza (52 punti contro i 51 della Reggiana). Eziolino Capuano e i suoi ospiteranno l’AlbinoLeffe in contemporanea col match di Reggio Emilia nel penultimo capitolo di questo campionato di Serie C. Data l’importanza delle contendenti e i valori in campo, domenica assisteremo ad un vero e proprio esame playoff per la squadra di Mister Eberini che, nella partita dei rimpianti, dovrà dimostrare di essere pronta per le fasi finali.

PRECEDENTI. Nei 61 precedenti confronti si contano 20 vittorie biancoscudate, 22 pareggi e 19 successi granata. Nel girone d'andata la sfida fra le due “corazzate” finì a reti inviolate, la passata stagione la Reggiana totalizzò un solo punto nel doppio confronto con il Padova che vinse per 2 reti a 0 in casa e conquistò un pareggio al “Giglio” tra le polemiche per un rigore prima concesso poi negato dall'arbitro Camplone di Pescara, proprio lo stesso direttore di gara designato per il match di domenica pomeriggio. In entrambe le partite ci fu lo zampino di Cristian Altinier, bestia nera dei reggiani. Andando indietro negli anni troviamo proprio in un Reggiana-Padova giocato al Mirabello alcuni dei ricordi più belli della Serie A granata: stagione 1994-1995, la Regia in una splendida cornice di pubblico si impose sul Padova per 3 reti a 0; 2 gol portarono la firma di “Pantera” Padovano, il terzo fu un eurogol di “Speedy Pizza” Esposito.


(Nella foto il portiere Bindi con Russo © PadovaGoal)

Commenti

Caprari: «Il Settore Giovanile granata gode di ottima salute, presto avremo nuovi ragazzi in prima squadra»
Cesarini torna in gruppo, Crocchianti non ha ancora recuperato