L'avversario

L'avversario - Ravenna, obiettivo salvezza per la neopromossa

I giallorossi si apprestano a tornare al "Città del Tricolore" dopo 6 anni

Tommaso Casotti
17.11.2017 18:30

La sconfitta casalinga di domenica scorsa contro la Sambenedettese (1-2) ha fatto crollare il Ravenna al terzultimo posto in classifica, subendo anche l'aggancio del Santarcangelo a quota 10 punti. Come la Reggiana, i romagnoli hanno ottenuto solo tre vittorie in campionato finora (di cui due 1-0 fuori casa a Gubbio e Fano), ma i k.o. sono ben otto e la distanza dai granata resta di tre punti.

La rosa è giovane e con tanti elementi alla prima esperienza fra i professionisti: mister Mauro Antonioli predilige il 3-5-2, dove in attacco la scelta non manca con l'alternanza fra Broso, De Sena, il senegalese Falou Samb e il correggese ex Bassano, Tommy Maistrello. In difesa, davanti al portiere Venturi, trovano spazio il capitano Lelj, Venturini e l'ex Reggiana Filippo Capitanio (in granata con poca gloria nel 2013). Il centrocampo è folto, con l'esperienza di Selleri, Papa e Ballardini al servizio delle giovani ali Magrini e Piccoli (20 anni ciascuno).

PRECEDENTI. Sono 25 i precedenti in campionato tra Reggiana e Ravenna, con 12 vittorie granata, 7 pareggi e 6 successi per i romagnoli. Fra le mura amiche la Reggiana non ha mai perso (8 vittorie, 4 pari), l'ultima volta nella stagione 2010/2011 fu 3-0 con i gol di Alessi, Viapiana e Lanna. Il più recente confronto risale, invece, ad un mese fa, nella sfida del primo turno della Coppa Italia di Serie C: allo stadio “Benelli” si imposero i granata grazie alle reti nel secondo tempo di Cesarini e Cianci.

Commenti

Riverola torna a disposizione, domani esami approfonditi per valutare le condizioni di Bastrini
Alessandro Cesarini prolunga il contratto fino al 2020: «Sono legato ai tifosi e alla città»