Primo Piano

Il dg Russo: «Siamo fiduciosi di risolvere la questione stadio entro venerdì, poi partirà la Campagna Abbonamenti»

Tra due giorni è in programma l'incontro decisivo per sbloccare l'utilizzo del "Città del Tricolore", domenica in Coppa Italia si torna al Mirabello

Redazione TuttoReggiana
05.09.2018 22:00

A margine dell'amichevole di Fabbrico è intervenuto ai nostri microfoni il direttore generale Rocco Russo, presente in tribuna assieme al responsabile dell'area tecnica Tito Corsi, Marco Lancetti e al consigliere Giuseppe Fico.

Come giudica il calendario del campionato?
«I calendari bisogna accettarli così come sono; partiamo contro il Crema che, a detta dei ben informati, è una squadra che gioca per le prime posizioni di classifica».

Che insidie può presentare questo girone?
«Chiunque giocherà contro di noi metterà il doppio dell'impegno perché portiamo un nome e una storia importanti. Per vincere è importante il lavoro fatto in settimana e scenderemo sempre in campo per i tre punti. Bisognerà calarsi il più in fretta possibile nella mentalità di questo campionato, molto fisico, ma siamo attrezzati per affrontarlo al meglio e giocarcelo fino in fondo».

A che punto è la situazione stadio?
«Noi abbiamo indicato alla Lega Dilettanti il "Città del Tricolore" come sede delle nostre partite casalinghe. C'è un incontro previsto per venerdì con la famiglia Squinzi, con cui c'era stata ampia disponibilità. Siamo fiduciosi, ma tra due giorni dobbiamo chiudere perchè l'inizio del campionato si avvicina e vogliamo far partire la Campagna Abbonamenti».

Molti tifosi non vedono l'ora di sottoscrivere l'abbonamento...
«È già tutto pronto, bisogna attendere fino a venerdì».

Domenica intanto si giocherà ancora al Mirabello in Coppa Italia?
«Il "Città del Tricolore" è stato rizollato da poco, ci hanno chiesto di non calpestarlo subito, quindi molto probabilmente torneremo al Mirabello. Dobbiamo ringraziare ancora una volta il Questore di Reggio Emilia per le deroghe che ci ha concesso».

Vi aspettavate quasi 5000 persone nelle prime due partite disputate?
«Sul piano societario ci stiamo organizzando anche per affrontare campionati superiori, non dimentichiamoci che questa è una ripartenza. Sapevamo ed eravamo certi del fatto che Reggio Emilia avesse una grande tifoseria: è importante mantenere un seguito di questo tipo, è l'uomo in più che a noi serve e che non smetteremo mai di ringraziare». 

Commenti

Reggiana, a Fabbrico basta un colpo di testa di Ponsat
Osuji: «Essere tornato a casa mi dà uno stimolo in più»