Primo Piano

Eberini: «Sono orgoglioso dei miei ragazzi. Senza cambi non potevamo fare di più»

«La squadra ha dimostrato di avere gli attributi, crediamo ancora nella Serie B»

Gian Marco Regnani
06.05.2018 21:00

«Sono amareggiato perché abbiamo giocato una grande partita con tanto cuore e ci abbiamo provato in tutte le maniere - le prime parole di Sergio Eberini in sala stampa - Appena il Teramo ha iniziato a buttare palle sopra è venuta fuori tutta la differenza di fisicità e abbiamo subìto l'arrembaggio finale. Vorrei rivedere il rigore perché secondo me l'ha toccata con la mano il loro attaccante. Sono orgoglioso di come hanno giocato i miei ragazzi per come eravamo messi, la squadra ha dimostrato ancora una volta di avere tanta voglia, altrimenti non sarebbe passata per tre volte in vantaggio. Purtroppo c'è da dire che c'era qualcuno di veramente stanco ed eravamo senza cambi...».

Anche oggi una gara giocata senza difensori...
«Sì, poi Gaël non è un mostro di altezza. Abbiamo dato tantissimo e dimostrato che siamo pronti per giocarci la B perché una squadra con questa volgia di passare in vantaggio tre volte è da applausi. Vedremo chi potremo recuperare per il 15, dovremo fare in modo di avere almeno qualche alternativa per sviluppare un po' di gioco a centro campo, oggi era impossibile».

Oggi non siete calati nella ripresa...
«Basta vedere il modo in cui sono entrati in campo Napoli ed Altinier e come si sono spompati i tre davanti dall'inizio. Con Cesarini pensavamo di avere una carta importante da giocarci subito, dietro invece non c'era niente, anche Manfirn non era al top. Serviva più fisicità in difesa, ma non ne avevamo...».

Fra nove giorni come tornerete in campo?
«Non faccio previsioni. Qualcuno nelle ultime 48 ore ha dimostrato di poter essere pronto: da mercoledì quando ci rivedremo, lavoreremo duramente per iniziare un altro spareggio».

L'assenza di Carlini purtroppo è pesata molto...
«Sua moglie durante la notte ha avuto un parto molto difficile quindi il ragazzo ha preferito starle vicino. Lo capiamo benissimo e ci auguriamo che torni motivato come sempre».

Avete più fiducia in voi stessi dopo la prestazione odierna?
«Assolutamente, anzi non pensavo che avremmo sopperito bene alla loro fisicità per così tanto tempo. La nostra è stata una prestazone di gran cuore e carattere, con un pizzico di sfortuna nel subire il gol del pareggio finale dopo pochissimi minuti. Oggi è andata cosi, c'è amarezza per essere arrivati quarti ma ci crediamo ancora fermamente».


Vota il migliore granata in campo di Teramo-Reggiana

Commenti

Le pagelle di Teramo-Reggiana
Gli highlights di Teramo-Reggiana