Primo Piano

Doppietta di Cianci, poi Cattaneo: la Reggiana torna al successo contro il Gubbio

Per i granata si tratta della nona vittoria consecutiva in casa

Lorenzo Chierici
18.03.2018 18:40

La Reggiana scavalca in classifica la Sambenedettese e si porta al secondo posto dopo una partita finalmente ben gestita, questa volta tra le mura amiche del "Città del Tricolore", malgrado due reti segnate dal Gubbio: finisce 3-2, una delle quali segnata dall'ex di turno Ettore Marchi.

LE FORMAZIONI. I granata scendono in campo con Facchin tra i pali, Ghiringhelli a destra e Panizzi a sinistra, mentre in mezzo torna titolare Crocchianti, al posto di Bastrini, non impeccabile in quel di Fermo, e si schiera al fianco di Spanò. Davanti alla difesa confermato il metronomo Genevier, con Riverola di nuovo titolare sul centro sinistra e Andrea Bovo sul centro destra. Là davanti Pietro Cianci preferito ad Altinier, che non era ancora al top della condizione, con Cattaneo e Carlini sugli esterni. Il Gubbio, che non ha cambiato molto nel mercato di gennaio, oppone al 4-3-3 granata un classico 4-4-2, o 4-4-1-1 per gli amanti dei numeri, con Volpe, ex Correggese, in porta, Lo Porto a sinistra e Paolelli a destra, con Piccinni e Burzigotti al centro. Davanti alla difesa Ricci e Giacomarro, mentre sugli esterni di centrocampo giocano Ciccone e Kalombo. Sulla trequarti Casiraghi, libero di spaziare ovunque e davanti l'ex centravanti granata Ettore Marchi, fischiato subito dai tifosi del "Città del Tricolore".

LA PARTITA. La Reggiana gestisce meglio la gara rispetto al Gubbio, che gravita in una posizione decisamente diversa rispetto ai granata ed è quindi ovvio che i valori in campo fossero diversi. La squadra di Eberini cerca subito andare a segno con Pietro Cianci che, su splendida imbeccata di un Erik Panizzi in grande spolvero, non trova la via della gol, a tu per tu con Volpe, che gli chiude bene lo specchio. Passano pochi minuti e la formazione granata passa in vantaggio: Panizzi vola, da par suo, sulla fascia sinistra poi alza la testa e pennella un pallone al bacio per Cianci che stacca altissimo, tra due difensori, si avvita e mette il pallone sul palo opposto, da grande centravanti, potando in vantaggio la squadra granata. Il Gubbio combina poco e quando fa qualcosa non è preciso, tant'è che Marchi, spesso, deve arretrare per ricevere qualche pallone, ma a parte qualche spunto di Kalombo e Giacomarro, il tutto arginato da Spanò e compagni, di occasioni vere gli eugubini non ne producono. La Reggiana, invece, è pericolosa e Spanò, su corner di Genevier, colpisce benissimo di testa e manda la sfera vicino al palo, ma Volpe si allunga e manda in corner un pallone destinato in fondo al sacco. I granata insistono e ci provano anche con un bel tiro a giro di mancino di Cattaneo, che sfiora l'incrocio dei pali. Al 45', quando meno te lo aspetti, Kalombo tocca di testa un pallone che rimbalza contro la testa di Ghiringhelli e arriva verso Ettore Marchi che si inserisce tra Facchin e Spanò, da bomber rapace, quale non è mai stato alla Reggiana, tocca di esterno, la palla viene rimpallata, ma resta lì e di nuovo Marchi la mette dentro: 1-1.

Nel secondo tempo la Reggiana sciupa il gol dopo 4' quando Ghiringhelli, da destra, riceve un bel pallone che mette dentro basso sul primo palo, dove Carlini calcia malamente di prima intenzione e Volpe riesce ad intercettare la conclusione, poi la difesa libera. Peccato, perché l'occasione era davvero ghiotta. La Regia c'è e dopo 8' di gioco, questa volta su cross di Ghiringhelli da destra, Cianci si libera di nuovo di Piccinni, forse in modo non del tutto corretto, poi gira alla grande il pallone verso il palo lontano e porta di nuovo in vantaggio la Reggiana: 2-1. La Regia a questo punto straripa: clamorosa indecisione difensiva del Gubbio con gran palla recuperata da Bovo che, di esterno destro serve subito Cattaneo che, di destro, pur non essendo il suo piede, trafigge il portiere Volpe con una conclusione di piatto sotto la traversa: 3-1. A quel punto, finalmente, esce quella Reggiana che avremmo voluto vedere contro la Fermana, ma che, purtroppo, non abbiamo visto. I granata, infatti, tengono palla e gestiscono la gara, anche se al 47' arriva il gol del Gubbio con Burzigotti che anticipa di testa Mattia Lombardo, su calcio d'angolo perfetto di Bergamini, staccando più alto di tutti e trafiggendo Facchin sul primo palo. A questo punto ci pensano gli esperti della Reggiana con Carlini che in attacco tiene palla, prende un corner, va sul fondo e prende un fallo. Alla fine arrivano i tre punti e questo è quello che conta, ma quei due gol si potevano evitare.
 

La diretta

Gli highlights

Le pagelle

Le interviste:

Vota il migliore granata in campo

 

Il tabellino

REGGIANA-GUBBIO 3-2
Marcatori: 12' pt Cianci, 44' pt Marchi, 9' st Cianci, 12' st Cattaneo, 47' st Burzigotti.
REGGIANA (4-3-3): Facchin; Ghiringhelli (43' st Lombardo), Spanò, Crocchianti, Panizzi; Bovo (12' st Vignali), Genevier, Riverola (23' st Bobb); Carlini, Cianci (43' st Altinier), Cattaneo (23' st Rosso). A disp. Narduzzo, Viola, Rozzio, Bastrini, Manfrin, Zaccariello, Rocco. All. Eberini.
GUBBIO (4-4-1-1): Volpe; Paolelli, Piccinni, Burzigotti, Lo Porto; Kalombo (13' st Malaccari), Ricci (34' st Bergamini), Giacomarro (34' Sampietro), Ciccone (13' st Cazzola); Casiraghi (1' st Jallow); Marchi. A disp. Battaiola, Dierna, Pedrelli, Fontanesi, Valagussa, Bazzoffia. All. Pagliari.
Arbitro: Provesi di Treviglio.
NOTE - Spettatori: paganti 904, abbonati 4321. Ammoniti: Kalombo, Ciccone, Paolelli. Angoli: 7-7. Recupero tempo: pt 0', st 4'.

Commenti

Mestre a tutto attacco per continuare a sognare i play off
Eberini: «Complimenti a tutti, il risultato era l'unica cosa che contava»