Primo Piano

Antonioli: «Partita decisa da un episodio. Il campionato non è ancora chiuso»

«Il Modena ha gestito meglio il finale. Spero che questa sconfitta non abbia ripercussione sul morale della squadra»

Gianluca Ferrari
02.12.2018 17:30

Mauro Antonioli è amareggiato al termine della sconfitta della sua Reggio Audace nel derby contro il Modena. Ora i punti di distacco dai canarini sono otto ma la stagione è ancora lunga. «Il campionato non è chiuso - esordisce il mister granata in sala stampa. - È chiaro che se il Modena continua a vincere sarà ancora più difficile per noi, ora hanno un grande vantaggio. Spero che la sconfitta di oggi non abbia ripercussioni sul morale dei miei ragazzi perchè oggi l'abbiamo giocata quasi alla pari, alla fine la gara è stata decisa da un episodio».

Com'è stata la partita?
«Siamo partiti meglio noi, loro ci hanno messo all'angolo per dieci minuti creandoci problemi soprattutto sui calci d'angolo. Nella ripresa non abbiamo sfruttato l'episodio che ci è capitato con Zamparo mentre loro hanno sfruttato l'occasione. Dopo il gol si è giocato davvero poco. Ho cambiato diversi giocatori per cercare di dare qualche stimolo in più ma abbiamo fatto troppo poco dopo la rete subita».

È più deluso per la prestazione o per il risultato?
«I ragazzi hanno dato tutto. Dispiace perchè ci tenevamo a non perdere e soprattutto a non allontanarci così in classifica. Sono rammaricato per il risulato, il pareggio sarebbe stato quello più giusto. Complimenti a loro che hanno saputo gestire il finale della partita in maniera perfetta».

Manca ancora qualcosa a questa squadra: si aspetta qualche arrivo dal mercato?
«La società conosce le mie idee e sa che siamo un po' corti a centrocampo, nello specifico non abbiamo un cambio over in mezzo al campo. Ho cambiato un po' le carte dopo il gol ma non siamo riusciti più a rialzarci».


Vota il migliore granata in campo di Modena-Reggio Audace

Commenti

Le pagelle di Modena-Reggio Audace: si salvano Spanò e Staiti. Bocciato il centrocampo
Spanò: «Siamo arrabbiati ma cerchiamo di non buttare via la stagione»