Primo Piano

Eberini: «Prestazione di grande sacrificio, abbiamo dimostrato di essere maturati»

L'analisi del tecnico granata dopo Sambenedettese-Reggiana

Gian Marco Regnani
10.02.2018 19:15

«Sapevamo che saremmo andati incontro ad un avversario temibile, ma nella sofferenza abbiamo portato a casa un risultato importante con una prestazione positiva dal punto di vista morale, tecnico e fisico - il commento a fine gara di mister Sergio Eberini - Il terreno di gioco dissestato non ci ha aiutato nella manovra palla a terra ma siamo riusciti comunque a creare un paio di situazioni interessanti. La svolta è arrivata nell'intervallo, ci siamo parlati a lungo e infatti nel secondo tempo la situazione è migliorata».

La Samb vi ha messo alle corde per un'ora di gioco...
«I rossoblù hanno fatto una grande partita, mettendo in pratica le misure giuste per limitarci. Quando la loro pressione nel secondo tempo è calata abbiamo rialzato la testa e siamo andati vicini al gol. Il pareggio è frutto della voglia che avevamo entrambe di portare a casa i tre punti».

Perché Bastrini e non Spanò?
«Ieri Spanò ha accusato un problema al flessore sul finire dell'allenamento, questa mattina ha provato a correre ma non era sicuro di reggere e schierandolo potevamo rischiare di perderlo a lungo. Bastrini stava bene, poi ci ha dato un po' più di fisicità».

E Cattaneo?
«Scelta volta a dargli qualche minuto in più perché ancora fatica a tenere il ritmo di gara. Volevamo smuoverlo dal letargo in cui è stato negli ultimi 6 mesi...».

Il Padova torna a +12: è ora di concentrarsi su altre avversarie?
«Come avevo già ribadito in precedenza, solo il Padova può perdere questo campionato. Noi dobbiamo provarci ogni domenica e sono molto fiducioso perché oggi abbiamo superato un ostacolo molto ostico dando prova di essere maturati».

In molti si aspettavano Vignali dall'inizio...
«Il nostro centrocampo avrà bisogno anche di lui ma dipende sempre dalle situazioni che si affrontano. Oggi volevamo vedere un calcio propositivo, quindi hanno giocato i soliti».

Genevier è stato forse il migliore in campo...
«Ci ha dato una mano alleggerendo le pressioni avversarie nel primo tempo e ha regalato diverse giocate propositive nella ripresa».

Quali insegnamenti bisogna trarre da questa partita?
«Il segnale più positivo è che siamo stati in grado di adattarci ad un avversario difficilissimo da affrontare: siamo entrati nell'ordine delle idee che la Samb andava contrastata con le sue stesse armi. Abbiamo cercato di imporre la nostra mentalità e ci siamo risuciti in parte nella ripresa quando i marchigiani hanno calato il ritmo».


Vota il migliore granata in campo di Sambenedettese-Reggiana

Commenti

I risultati e la classifica della 25ª giornata. Padova sempre più in fuga, crolla il Pordenone
Le Pagelle di Samb-Reggiana: Facchin decisivo, rimandato Cattaneo