L'avversario

L'avversario - FeralpiSalò, una big dall'andamento discontinuo

Caracciolo capitano e trascinatore. Con Sottili in panchina la squadra ha cambiato ritmo ma fatica ad inseguire le altre "big"

Redazione TuttoReggiana
21.01.2020 20:00

Pur essendo costruita per lottare nelle posizioni di vertice, la FeralpiSalò è stata costretta ad inseguire per tutta la prima parte di campionato, complice un pessimo avvio che è costato anche la panchina al tecnico Damiano Zenoni. L'arrivo del nuovo allenatore Stefano Sottili ha dato maggior verve ai gardesani, che sono lentamente risaliti in classifica fino al sesto posto, senza però trovare un filotto vincente che li portasse a ridosso della vetta: ora con 33 punti raccolti (ben 11 in meno della Reggiana), la Feralpi cerca una posizione migliore in ottica playoff, che si preannunciano caldissimi.

Sabato è giunta un'importante vittoria contro la Fermana, successo che mancava da quasi due mesi grazie alla rete decisiva di Ceccarelli a tempo scaduto. L'"airone" Andrea Caracciolo, giunto in riva al Garda lo scorso anno a 38 anni dopo numerosi trascorsi in Serie A e B, è il capocannoniere verdeblù con 7 gol e punta a migliorare lo score di 12 reti dell'ultimo campionato; alle sue spalle il centrocampista Scarsella, secondo migliore marcatore della squadra (6 gol). Il mercato invernale ha visto partire l'attaccante Francesco Stanco (tornato al Cittadella in B) e anche l'ex granata Contessa è destinato ad altri lidi; in entrata sono state concluse le trattative per i terzini Eguelfi e Vitturini e per il centrocampista Baldassin. Per la sfida con la Reggiana di mercoledì sera mancheranno elementi importanti come Pesce e quasi certamente Maiorino, mentre in difesa si registrano i forfait di Rinaldi e Zambelli.

PRECEDENTI. Nel match di andata, all'esordio in campionato, la Reggiana si è imposta con un netto 4-1. Allo stadio "Turina" di Salò però i tifosi granata hanno ricordi bui, con le clamorose rimonte nelle stagioni 2016/17 (da 4-1 a 4-4 nei minuti finali) e 2017/18 (dal 2-0 al k.o. per 2-3); in campionato la Reggiana si è imposta solo nel 2015 (3-0 con le reti di Mogos, Bruccini e Arma), mentre l'ultimo successo risale al 31 luglio 2016 nel primo turno di Tim Cup (3-2 ai supplementari, gol di Ettore Marchi, Nolè e Guidone).

Commenti

Voltan obiettivo concreto, la Vis Pesaro fa muro
Kargbo migliore granata in campo di Imolese-Reggiana